Martin McGuinness

Oltre ai gruppi armati repubblicani, nel mirino dello Sinn Fein anche i governi di Dublino e Londra

I leader dello Sinn Fein hanno avvisato i gruppi repubblicani di abbassare le armi – affermando altresì che i governi irlandese e inglese stanno trattando il processo di pace con compiacenza.

La vice presidente Mary Lou McDonald e il vice primo ministro nordirlandese Martin McGuinness hanno entrambi parlato durante gli eventi di commemorazione della Rivolta di Pasqua del 1916.

McGuinness ha accusato i governi di Londra e Dublino di “essere diventati compiacenti” sul processo di pace e “di non onorare gli impegni dell’Accordo di St Andrews”.

È stato critico anche sull’incontro avvenuto settimana scorsa con il primo ministro inglese David Cameron.

Ha affermato McGuinness: “È stato uno degli incontri meno soddisfacenti che ho avuto con il premier britannico nel corso del processo di pace.

 “Il governo irlandese ne faceva parte ed era un firmatario dell’Accordo di St Andrews in cui era stato concordato un pacchetto finanziario come parte di un dividendo di pace.

“Questo è stato minato dal fallimento dell’amministrazione Londra ad onorare i suoi impegni. Il governo britannico ha ridotto i quasi 22 miliardi di euro di budget del Nord del 40%, anche se poi il primo ministro britannico Gordon Brown aveva detto che il budget era garantito e avrebbe garantito il funzionamento dell’economia.

“Il governo irlandese ha fatto parte di tale accordo e ciò dà mandato al governo irlandese di esercitare pressioni sul governo britannico per spingerlo ad onorare gli impegni assunti.”

“Mentre gli estremisti repubblicani e lealisti costituiscono una minaccia per il processo di pace, le uniche persone che possono minare le istituzioni, distruggendo il processo di pace, siamo noi politici – unionisti, repubblicani e nazionalisti”.

McGuinness ha anche avvertito i repubblicani non hanno alcun futuro, nonostante i recenti tentativi di compiere attentati contro gli agenti di polizia nel nord.

Ha poi aggiunto: “Mentre molti progressi sono stati compiuti, c’è ancora molto da fare. I recenti avvenimenti nelle nostre strade lo hanno dimostrato.

“Ci sono persone che sognano di demolire le strutture del cambiamento. Vogliono distruggere piuttosto che costruire. I loro strumenti sono il bigottismo, la diffidenza, il militarismo e il settarismo.

“Coloro che preferiscono il conflitto e il confronto devono essere contrastati dai leader politici uniti in una visione di un futuro di pace, compreso e condiviso”.

Intervenendo alla commemorazione annuale per la Rivolta di Pasqua del 1916 presso il cimitero di Milltown a West Belfast, la vice presidente Mary Lou McDonald ha parlato contro le attività repubblicane.

Ha dichiarato: “Il conflitto armato è nel passato, non ha luogo nel presente, nessuno ha il diritto di gettarlo sul futuro dei nostri figli.

“I gruppi scissionisti che oggi perseguono azioni armate stanno recitando una farsa che troppo spesso si è trasformata in tragedia. Dovrebbero desistere, e desistere immediatamente”.