Brian Shivers

La compagna di uno degli imputati per la morte di due soldati britannici ha riferito in aula che Shivers non sarebbe capace di compiere tale crimine

Secondo Lisa Leacock la sera dell’attacco Brian Shivers era fuori casa per salutare alcuni amici stranieri in procinto di tornare nel loro Paese.

Gli unici imputati negano gli omicidi dei genieri Mark Quinsey e Patrick Azimkar, colpiti a morte all’esterno della loro caserma ad Antrim. Il secondo imputato è Colin Duffy.

La Leacock ha spiegato in aula ad Antrim: “Il Brian che conosco non è capace di compiere quelle terribili azioni e sono rimasta scioccata e sorpresa quando è stato arrestato”.

La donna aspettava il suo rientro la sera dell’attacco.

“Credevo stesse andando ad incontrare alcuni amici che stavano tornando a casa per dire loro addio”, ha aggiunto.

Sono stati insieme per sei anni. La donna ha già un figlio da una precedente relazione ed è disoccupata.

Quinsey ed Azimkar sono stati uccisi dalla Real IRA nel marzo 2009, mentre ritiravano alcune pizze all’esterno di Massereene Barracks, la caserma dell’esercito britannico ad Antrim.

Colin Duffy, 44 anni di Lurgan, e Brian Shivers, 46 anni di Magherafelt, negano tutte le accuse.