Massereene TrialLa gestione della sicurezza al processo per Massereene – dove un imputato è stato trovato colpevole della morte di due soldati – è costata quasi 600mila sterline.

Un ergastolo è stato comminato a Brian Shivers per la morte dei genieri britannici Mark QUinsey e Patrick Azimkar, mentre il repubblicano Colin Duffy è stato dicharato non colpevole e tutte le accuse contro di lui sono decadute.

I soldati, insieme ai commilitoni del 38° Reggimento Genieri, sarebbero partiti l’indomani per l’Afghanistan.

L’attacco – seguito due giorni dopo dall’omicidio dell’agente di polizia Stephen Carroll a Craigavon – fu rivendicato dalla Real IRA.

Dopo una richiesta alla PSNI, basata sulla legge Freedom of Information (Libertà di Informazione), il News Letter può rivelare che i costi stimati della gestione della sicurezza al Massereene Trial sono stati di 571.568 sterline.

Nella risposta, la polizia afferma: “La PSNI non è in grado di fornire un costo totale della gestione della sicurezza al processo di Massereene perché è una questione soggettiva. Al momento, tuttavia, i costi complessivi stimati sono stati di 571.568 sterline.

“Il 50% di questi costi sono attribuibili al servizio di polizia, il resto agli straordinari degli agenti”.

Il 7 novembre 2001 Colin Duffy e Brian Shivers sono andati in aula davanti ai giudici del tribunale di Belfast, in trasferta ad Antrim.

Il 20 gennaio 2012 è arrivata la sentenza di assoluzione per Duffy e di colpevolezza per Shivers.

Il portavoce per la Giustizia dell’UUP, Tom Elliott, ha affermato: “Credo che i dissidenti siano determinati a finire in qualsiasi modo l’Irlanda del Nord. È un’autentica disgrazia.

“E chiaramente è una disgrazia che i servizi di sicurezza in Irlanda del Nord debbano spendere così tanto per gestire il processo.

“Ma ovviamente i servizi di sicurezza hanno percepito o erano a conoscenza di un alto livello di minaccia oppure non ci sarebbe stato bisogno di un tale livello di protezione. Chiaramente le minacce c’erano e la polizia ha risposto in maniera adeguata”.

Jeffrey Donaldson, portavoce per la sicurezza del DUP, ha commentato: “Mentre era assolutamente essenziale fornire un’adeguata sicurezza a questo processo è quanto mai spiacevole che si sia speso così tanto per questo genere di sicurezza quando si sarebbe potuto usare per fornire altri servizi di polizia.

“Ascoltiamo costantemente critiche sui costi della gestione della sicurezza durante le parate quando c’è la minaccia di violenza contro chi sceglie di esercitare il diritto a marciare.

“Mi chiedo se gli stessi critici si faranno sentire nel criticare il costo della polizia per questo processo quando la minaccia giunge dai dissidenti repubblicani?”