Martin McGuinness e Peter Robinson | © Peter Macdiarmid, Getty Images

Il programma pilota di 100 campi estivi per i giovani nordirlandesi è stato annunciato la scorsa settimana da Peter Robinson e Martin McGuinness

I campi estivi dovranno aiutare i giovani provenienti dalle diverse comunità dell’Irlanda del Nord a trascorrere del tempo insieme.

Il primo ministro Peter Robinson e il vice primo ministro Martin McGuinness hanno annunciato l’avvio del programma pilota per la creazione di 100 campi per l’estate 2015.

A partire questa estate, il programma fornirà una serie di opportunità per i bambini che hanno terminato le scuole primarie di riunirsi per fini scolastici e di tempo libero i bambini elementari di riunirsi per fini accademici e per il tempo libero, consegnato su base cross-comunità.

Questa è una delle azioni principali dela strategia denominata Together: Building a United Community Strategy (“Insieme: Strategia per costruire una comunità unita”), pubblicata nel maggio 2013.

Peter Robinson ha dichiarato: “«Together: Building a United Community Strategy» è la roadmap dell’Esecutivo nordirlandese per migliorare le buone relazioni con quattro priorità fondamentali: i nostri bambini e i giovani, la nostra comunità condivisa, la nostra comunità sicura e la nostra espressione culturale.

“Vogliamo costruire una società basata su equità e opportunità per tutti. I nostri giovani sono protagonisti non solo nel presente, ma nel futuro e noi siamo determinati a creare opportunità affinché contribuiscano ad una società condivisa e coesa.

“Abbiamo identificato sette azioni principali, una della quali è il programma pilota di 100 campi estivi nel 2015, con lo scopo ultimo di costruire relazioni positive tra le parti divise della nostra comunità.

“Questo programma vuol mettere insieme le persone in un ambiente rilassato per giocare, imparare e costruire relazioni, evitando le percezioni errate e facendo nuovi amici. Non ho dubbi che questo sia un passaggio importante per creare una società migliore in cui vivere, lavorare e socializzare”.

Martin McGuinness ha aggiunto: “Negli ultimi dieci anni la nostra società si è trasformata e abbiamo assistito a cambiamenti che molti ritenevano impossibili. Con strutture politiche stabili ora possiamo lavorare insieme per formare una società che fornirà una solida base per la pace e per la prosperità di tutti.

“Mentre entriamo nella prossima fase del nostro processo di pace, dobbiamo assicurare ai nostri giovani non solo l’inclusione ma maggior potere. Combattere il settarismo, il razzismo e le altre forme di intolleranza, lavorando a livello pratico con i giovani e la comunità. Questo farà la differenza e permetterà notevoli passi avanti nel risolvere la divisione, l’odio e la separazione.

“Insieme possiamo costruire una società in cui le pari opportunità, il desiderio di buone relazioni e la riconciliazione sono qualcosa che ci unisce piuttosto che dividerci. Attraverso questi 100 campi estivi i nostri giovani saranno ispirati e il settarismo e segregazione che hanno diviso e frenato la nostra comunità e i cittadini saranno sradicati per sempre.

“Incoraggio le organizzazioni giovanili registrate, le organizzazioni volontarie e comunitarie, le chiese, i gruppi sportivi, quelli artistici, le scuole, le organizzazioni regionali e i Consigli di considerare l’adesione a questi campi estivi che si svolgeranno in tutto il Nord”.

Le domande di finanziamento per istutuire un campo estivo sono aperte.