La PSNI e l’Orange Order hanno allontanato gli avvertimenti di minacce da parte dei repubblicani verso le parate degli Ordini Lealisti di questa estate.
Gli unionisti sono preoccupati perché i gruppi scissionnisti repubblicani pianificano di attaccare le parate nei flashpoint (i punti di maggior attrito fra le due comunità, NdT) nel tentativo di provocare la vendetta dei lealisti.

Alcuni commentatori hanno espresso timore riguardo a ciò che potrebbe accadere se anche un solo uomo armato di pistola o con ordigni esplosivi attaccasse una parata.

La candidata europea del DUP Diane Dodds ha detto di essere preoccupata per i presunti piani dei dissidenti repubblicani di provocare disordini nelle parate più a rischio al fine di creare panico e creare divisione.

Un portavoce della polizia ha riferito di sperare nel ripetersi della precedente stagione delle marce, svoltasi pacificamente, anche in base ai “significanti progressi” fatti.

L’Orange Order stesso dice di “non farsi distrarre” dalla volontà di causare conflitti.

Dodds ha detto: “Le recenti speculazioni riguardo la campagna dei dissidenti repubblicani per causare conflitti civili intorno alle parate è stata alimentata dai commenti pubblici dei portavoce di questi gruppi criminali.

“Ci mostra che c’è un chiaro e attuale pericolo portato contro gli Ordini Lealisti in generale e l’Orange Order in particolare dai gruppi dissidenti repubblicani.

“Abbiamo già visto questi codardi ricorrere agli attacchi incendiari contro le Orange Hall in tutto il paese. Adesso sembra che vogliano far fare un passo avanti alla loro campagna.

“Mi appello a tutti i membri unionisti e a quelli degli Ordini Lealisti di restare insieme e rifiutare l’intimidazione da parte di questa gentaglia”.

Secondo l’attuale parlamentare europeo Jim Allister le violenze repubblicane contro le parate dell’Orange Order non sono una tattica nuova ed è già stata adottata in passato dallo Sinn Fein.

Il leader del Traditional Unioist Voice afferma che non può essere permesso ai dissidenti di aver successo quando altri repubblicani hanno cercato di bloccare le parate.

“Ogni tentativo dei cosiddetti dissidenti di proseguire quel tipo di lavoro deve essere risolutivamente combattuto”, dice Allister.

Un portavoce dell’Orange Order respinge le paure: “La situazione delle parate in Irlanda del Nord sono migliorate costantemente per un certo numero di anni, sebbene ci siano ancora fondamentali problemi nella legislazione che riguarda le parate.

“L’Orange Institution e tutti gli Ordini Lealisti stanno lavorando duramente per rendere tutte le nostre parate accoglienti e far sì che possano essere fruite da intere famiglie.

“Continueremo ad agire così e non ci faremo distrarre dalle minacce provenienti da gente il cui unico interesse è creare conflitti settari”.

La PSNI ha comunicato di sperare che il lavoro di ridurre le tensioni intorno alle parate eseguito negli ultimi anni dia i suoi frutti.

BRITAIN NORTHERN IRELAND ORANGE PARADE