Minaccia a North Belfast

Un importante personaggio delle logge di Ligoniel, North Belfast, teme per la sua sicurezza dopo “aver perso il conto” del numero di proiettili ricevuto

Un membro dell’Orange Order ha detto di aver comprato giubbotti anti proiettile per sue moglie e per i figli dopo aver ricevuto dozzine di minacce di morte.

L’uomo di North Belfast è una figura importante di una delle tre logge orangiste di Ligoniel cui viene impedito di marciare davanti ai negozi di Ardoyne il 12 luglio.

Dice di “aver perso il conto” del numero di proiettili che ha ricevuto via posta e adesso vive lontano da casa nella speranza di tenere al sicuro la famiglia.

L’uomo non vuol far sapere il suo nome ma è uno dei protagonisti coinvolti nella controversa parata bloccata dalla Commissione Parate nel percorso di rientro verso le logge d’appartenenza.

Parlando dopo aver ricevuto l’ultima serie di proiettili, ha detto ad un quotidiano: “Ho ricevuto molte minacce di morte, è dura tenere traccia di tutte. Dovrebbero essere 20 o 30, ma quando chiedo un aiuto per migliorare la sicurezza attraverso, ad esempio, telecamere a circuito chiuso o qualcosa di simile, mi dicono che non è una priorità. Penso mi debbano sparare prima.

“Era diventato così terribile che me ne sono andato per la sicurezza della famiglia. Non è stato il massimo per la vita familiare, perché li vedo solo una volta alla settimana per un pranzo veloce e non mi fermo mai molto, ma preferisco tenerli al sicuro piuttosto che metterli a rischio. È molto duro anche per mia moglie. Ho un bimbo disabile e molto iperattivo, e la mia preoccupazione è che qualcosa venga messo nella cassetta delle lettere e sia lui a prenderla”.

La polizia ha riferito all’orangista che le minacce provengono da diversi gruppi, tra cui Continuity IRA e Real IRA. Due anni fa un presunto ordigno era stato messo sotto alla sua vettura.

Adesso il membro dell’Orange Order dice di aver acquistato giubbotti anti proiettile per sé, per la moglie e per i due figli.

Ha aggiunto: “Si siedono accanto alla porta quando sono in casa È piuttosto triste ciò che sono costretto a fare, ma le autorità sembrano non preoccuparsi troppo di quello che accade a me o alla mia famiglia”.

Si è appreso che almeno un altro orangista coinvolto nelle logge di Ligoniel ha ricevuto minacce di morte e ha acquistato un giubbotto anti proiettile.

Minacce di morte