Photo: Martin Melaugh - © CAIN

Photo: Martin Melaugh - © CAIN

La casa del parlamentare Mitchell McLaughlin è stata nuovamente attaccata con bottiglie molotov a Derry.

Questa è la terza volta che l’abitazione viene fatta bersaglio di un attacco, presumibilmente dei (cosiddetti) dissidenti repubblicani.

McLaughlin ha detto che ci sarebbero potute essere conseguenze fatali e ha aggiunto che i codardi assalitori non intimideranno né lui né la sua famiglia. “Questo è un tentato omicidio. Non c’è altro modo per descriverlo”, ha riferito il parlamentare.

“Ai responsabili voglio dire: se avete divergenze nei miei confronti abbiate il coraggio di un confronto faccia a faccia. Le vostre azioni sono tra le più vigliacche e non mi intimideranno e neppure mi distoglieranno dai miei obiettivi”, prosegue McLaughlin.

I dissidenti repubblicani hanno innalzato la loro campagna di violenze. Quest’anno sono stati uccisi due soldati ed un poliziotto.

McLaughlin ha aggiunto: “Chiedo ai gruppi responsabili per questo genere di attacchi attraverso le loro pubbliche e retoriche minacce di uscire allo scoperto e spiegare come questo genere di azioni possano far avanzare di un passo la causa per la libertà irlandese.

“Avevano la possibilità di provare la loro influenza alle prossime elezioni europee ma ovviamente hanno capito che sarebbero stati totalmente rifiutati dalla popolazione e non hanno avuto il coraggio di presentare un candidato”, ha concluso il parlamentare shinner.

Due molotov hanno causato bruciatura al muro nella zona di Blucher Street nel quartiere repubblicano di Bogside poco dopo l’una di notte. McLaughlin ha lodato i suoi vicini di casa per la loro vigilanza e ha chiesto a chi non la pensa come lui di parlare.