Stop and SearchA Newry, Nord Irlanda, le forze di polizia della Psni hanno fermato e perquisito pubblicamente (pratica chiamata “stop & searches”) un volontario impegnato nella raccolta fondi a favore del Pips (Public initiative for the Prevention of Suicide & Self–harm). Le molestie non si sono fermate al controllo, le forze di polizia hanno cercando di rubare il tesserino al volontario (che ha raccolto la considerevole somma di 700 sterline) mettendo in dubbio l’autenticità dell’iniziativa.

Il fatto, accaduto la scorsa settimana, è stato testimoniato da un gruppo di tassisti che ha assistito alla scena. Stephen Murne, del movimento repubblicano éirígí, ha spiegato come le azioni della Psni a Newry abbiano “raggiunto un nuovo minimo”. Continuando: “Queste ultime molestie non sono una sorpresa. Solo nel giorno di San Patrizio, sono stato contattato da vari residenti di Parkhead Crescent, che mi hanno riportato di essere stati fermati e perquisiti, tra cui una madre che aveva con sé due bambini piccoli”.

Un portavoce della polizia invece ha affermato: “La polizia di Newry respinge ogni accusa di molestia. La polizia ha il dovere di indagare le attività criminali e rendere le comunità più sicura. Questo è ciò che ci hanno chiesto di fare e questo è ciò che continueremo a fare”.