Bonfire a LimavadyIl parlamentare dello Sinn Féin Cathal Ó hOisín chiede una maggiore coerenza tra le varie Divisioni PSNI nella gestione del contenzioso sulle bandiere e sulle questioni legate alle parate.

Ó hOisín ha parlato dopo il 12 luglio, quando a Limavady furono eretti numerosi bonfire, su molti dei quali erano presenti i suoi manifesti elettorali.

“L’area che rappresento è a cavallo di tre diverse aree di comando PSNI e ho avuto reazioni diverse alle questioni analoghe segnalate in ogni area in materia di bandiere e bonfire.

“Mentre sono stato contento del modo professionale con cui è stata trattata la mia denuncia in una zona, le altre aree non hanno espresso lo stesso livello di servizio.

“E’ importante che ci sia un approccio coerente a questi problemi in ogni area, in modo da poter risolvere in modo uniforme gli eventuali problemi.

“Solleverò questi problemi con i miei colleghi del Policing Board in modo da far arrivare la questione ai più alti livelli e garantire una sola politica in tutte le divisioni”.

Un portavoce della PSNI ha detto: “Come sempre accade, la polizia ha lavorato su questa particolare questione consultando le agenzie partner e la comunità locale. Questo approccio di partenariato è concordato dal «Protocollo congiunto in relazione all’esposizione di bandiere nelle aree pubbliche», insieme con il ministero dell’Ambiente, il ministero per lo Sviluppo Regionale, il ministero per lo Sviluppo Sociale, l’Ufficio del Primo Ministro e Vice Primo Ministro ed il Northern Ireland Housing Executive. Siamo fermamente impegnati attraverso il nostro lavoro con le agenzie partner di queste ed altre, così come con le comunità locali, per affrontare le questioni che circondano l’esposizione di bandiere nelle aree comuni.

“Siamo consapevoli che la questione delle bandiere rimane molto difficile ed emotiva e continuiamo ad esortare tutti a proseguire nel lavoro per garantire che le persone possano vivere senza paura e intimidazione, che si tratta di un fondamentale diritto umano”.