Il gruppo repubblicano di Oglaigh na hEireann si è assunto la responsabilità per le ultime bombe lasciate a Derry e a West Belfast

Bomba a Derry | Derry bombNel primo attacco di domenica sera, 50 chilogrammi (110 libbre) di esplosivo artigianale sono stati inseriti in un fusto di birra e lasciati in una macchina parcheggiata all’esterno del tribunale di Bishop Street a Derry.

Successivamente, nelle prime ore di lunedì, un ordigno comunemente chiamato “barattolo di caffè esplosivo” (coffee jar bomb) è stato lanciato contro la polizia nella zona di Falls Road a West Belfast.

Nessuno dei due ordigni è esploso, ma Óglaigh na hÉireann ha riferito al giornalista Brian Rowan che il secondo attacco era un tentativo di uccidere degli agenti di polizia.

“Quel gruppo, Óglaigh na hÉireann, ovvero il gruppo più pericoloso, ha detto di essere responsabile dei due incidenti”, ha affermato Rowan a Utv.

Coffee Jar Bomb“Riguardo al primo incidente hanno parlato di 90 kg (200 libbre) di esplosivi, principalmente artigianali ma con l’aggiunta di Semtex. Nel secondo attacco dicono di aver lanciato una cosiddetta coffee jar bomb contro la polizia, che però è finita nel terreno incolto. Allora hanno fatto una telefonata ai Samaritani“.

La polizia di Derry afferma che l’ordigno al tribunale avrebbe potuto “uccidere o ferire gravemente” i passanti se fosse esploso, e nel contempo causare gravi danni agli immobili circostanti.

L’autobomba contenente l’ordigno nascosto nel fusto di birra è stata messa in sicurezza con alcune esplosioni controllate eseguite nella serata di domenica dagli artificieri dell’esercito britannico.

Lunedì pomeriggio, invece, è stato ritrovato l’ordigno inesploso di Belfast, lanciato dietro al Dwyer’s GAA Club. Anche in questo caso è stata eseguita un’esplosione controllata, prima di rimuovere i resti della bomba per ulteriori esami.

Entrambi gli incidenti hanno provocato gravi disagi, con alcuni residenti anziani trasferiti in una struttura più sicura per l’intera notte e con l’evacuazione di 30 abitazioni in Grosvenor Road a Belfast.

Il ministro della Giustizia nordirlandese David Ford ha condannato gli attacchi, “ringraziando” che nessuno sia rimasto ferito.