Gli avvocati dei tre uomini trovati colpevoli per l’omicidio settario di uno studente cattolico a Ballymena hanno messo le basi per l’appello contro le condanne

Michael "Mickybo" McIlveenI rappresentanti legali di Cristopher Francis Kerr, Jeff Colin Lewis e Aaron Cavana Wallace hanno ottenuto il permesso di avere dichiarazioni di testimoni e quella di cattivo carattere come parte del loro appello.

Tutti e tre hanno ricevuto una condanna all’ergastolo per l’omicidio di Michael “Micky-Bo” McIlveen, un quindicenne pestato fino alla morte nella cittadina della Contea di Antrim nel maggio 2006.

Wallac, 21 anni, Kerry, 23 anni, e Lewis, 20 anni, tutti di Ballymena, dovranno scontare un minimo di pena variabile tra 10 e 13 anni.

Un quarto uomo, Mervyn Wilson Moon, 21 anni sempre di Ballymena, aveva ammesso di aver partecipato all’omicidio all’inizio del processo.

Kerr dovrà scontare la più alta condanna minima, perché non ha mostrato alcun rimorso per le sue azioni e ha continuato a mentire durante l’intero processo.

La Corte di Appello ha ascoltato la testimonianza secondo cui Kerr avrebbe avuto l’arma del delitto, una mazza da baseball, ma non l’avrebbe iutilizzata.

Spiegando la richiesta delle trascrizioni di interviste e dichiarazioni dei testimoni, il suo avvocato, Laurence McCrudden, ha detto che Kerr deteneva la mazza da baseball per paura degli “amici” della vittima.

McCrudden si riferisce a incidenti settari avvenuti a Ballymena nei mesi immediatamente precedenti all’omicidio di Mickybo.

“Giovani nazionalisti tendevano ad aggregarsi, ci ha detto, e riferendosi agli interrogatori della polizia, a Pasqua, 23 giorni prima dell’omicidio, (Kerr) fu affrontato da un uomo che brandiva una spada da samurai”.

Stephen Law, avvocato di Wallace, ha centrato la richiesta di appello sulla decisione del cattivo carattere del suo assistito, basato su prove ricavate dal sito di social network Bebo.

Chiedendo la trascrizione di quella decisione, Law ha detto: “Ritengo possa aiutare la corte nella decisione sulla questione. Noi pensiamo che gli indizi fossero in maniera evidente molto pregiudizievoli”.

Francis Rafferty, avvocato di Lewis, ha detto che le testimonianze fornite dagli altri presenti sulla scena dell’assalto e nel vicino parco “sfidavano e contraddicevano” la versione degli eventi rilasciata dal principale testimone dell’accusa.

Ha sostenuto che anche le prove del Patologo di Stato erano in contraddizione con tele versione.

In seguito alle richieste, il giudice Declan Morgan, insieme ai giudici Higgins e Girvan, ha stabilito che la trascrizione di alcune prove e della decisione relativa al pessimo carattere degli imputati devono essere preparate.

L’appello dovrebbe venire discusso nel corso di quest’anno.