Padraic Wilson

Un leader repubblicano è stato rimandato in custodia cautelare dopo essere stato accusato di reati in relazione all’omicidio di Robert McCartney avvenuto nel 2005

Padraic Wilson, 53 anni, fu il leader dei prigionieri dell’IRA nel carcere di Maze alla fine degli anni Novanta.

È stato accusato di appartenenza all’IRA e di aver parlato ad un incontro in cui veniva chiesto sostegno al gruppo repubblicano, tutte accuse che Wilson rigetta.

Robert McCartney, 33 anni, venne accoltellato a morte all’esterno del Magennis’s Pub a Belfast.

Venerdì un investigatore ha spiegato in aula a Belfast che, sebbene Padraic Wilson non sia accusato direttamente in collegamento con l’assassinio di Robert McCartney, le accuse si riferiscono ad un’indagine interna compiuta dall’Irish Republican Army subito dopo l’omicidio.

Ha affermato che le sorelle e l’ex compagna di McCartney hanno ottenuto sei testimonianze del coinvolgimento di Wilson nell’indagine interna eseguita dall’IRA.

Riconosciuto

Il detective ha detto: “È stato affermato che il signor Wilson e una persona non identificata si sono incontrate con la famiglia nella loro qualità di membri dell’IRA e come rappresentanti dell’Army Council dell’IRA.

“In quel momento stavano eseguendo un’indagine interna sull’omicidio.

“Si presume che ci siano state almeno due incontri tra i membri della famiglia McCartney e Padraic Wilson”.

Il detective ha detto che la famiglia McCartney è stata in grado di identificare recentemente Wilson attraverso ricerche su Internet e lo hanno riconosciuto come la persona che prese l’iniziativa per organizzare gli incontri.

L’avvocato di Wilson, Peter Madden, ha detto che il suo cliente ha negato l’appartenenza all’IRA e ha detto che era la sua parola contro quella delle sorelle McCartney.

“Non si tratta del coinvolgimento di Wilson nell’omicidio, bensì lìesatto opposto.

“È chiaro che le sorelle di Robert McCartney hanno rilasciato dichiarazioni in cui affermano che Wilson ha detto una certa cosa, affermando che fosse un membro dell’IRA”, spiega il legale.

“È una rara situazione quando qualcuno viene accusato di appartenenza all’IRA da uno o più testimoni. Non mi è mai capitato prima d’ora.

“Ci sono prove certe per l’adesione ad organizzazioni illegali e questa non è una di quelle”.

Situazione grave

Il magistrato era preoccupato che Wilson potesse interferire con i testimoni tra cui le sorelle di McCartney.

Wilson è stato rimandato in custodia cautelare per quattro settimane.

In un comunicato stampa, il parlamentare dello Sinn Féin Gerry Kelly ha chiesto il rilascio immediato di Padraic Wilson.

“Questa accusa è bizzarra” ha affermato.

“È mia ferma opinione che queste accuse sono motivate politicamente e guidate da una vecchia agenda interna alla PSNI che lotta contro il cambiamento nella polizia.

“Questa è una situazione molto grave e tali accuse devono decadere e Padraic Wilson deve essere rilasciato immediatamente.

“Lo Sinn Féin continuerà a sostenere Padraic e la sua famiglia fino a quando questa farsa politica sarà portata a conclusione”.

Tuttavia Conall McDevitt, SDLP, ha detto: “Vale la pena notare che gli eventi di oggi nascono dalla consegna di nuove informazioni provenienti dalla famiglia McCartney.

“È diritto delle vittime ottenere giustizia e presentare le informazioni”.

Campagna di alto profilo

L’omicidio di Robert McCartney ha avuto ripercussioni importanti per lo Sinn Féin, che, all’epoca, era coinvolto in delicate trattative politiche finalizzate a garantire il suo sostegno alla polizia.

Poche ore dopo la morte di McCartney, è stato sostenuto che i membri dell’IRA erano coinvolti in seguito ad uno scontro fisico – tesi sempre respinta dallo Sinn Féin.

La famiglia di Robert McCartney ha accusato i repubblicani di coprire l’accaduto, minacciando i testimoni. Le sorelle hanno accusato lo Sinn Féin e l’IRA di ostacolare gli sforzi per portare gli assassini del loro fratello alla giustizia.

Hanno realizzato una campagna di alto profilo che le ha portati dalle strade della nazionalista Short Strand fino alla Casa Bianca, e anche all’ard fheis dello Sinn Féin a Dublino.

L’IRA ha detto di aver espulso tre membri per l’omicidio e lo Sinn Féin in seguito ha sospeso sette dei suoi membri.

Nel 2008, Terence Davison, 51 anni, è stato assolto dall’accusa di omicidio mentre sono decadute le accuse contro altri due uomini.