La Portadown Orange Lodge ha protestato nuovamente contro la decisione che impedisce alle parate orangiste di transitare lungo la nazionalista Garvaghy Road

Drumcree 2011 | © Andrea Aska VaracalliDal 1998 la Commissione Parate ha vietato ai membri dell’Orange Order di marciare lungo Garvaghy Road.

Domenica gli orangisti sono usciti dalla chiesa di Drumcree, accompagnati da una banda musicale, e hanno consegnato una lettera di protesta alla polizia che stazionava alla base della collina.

Sono oltre 13 anni che ogni domenica la loggia di Portadown protesta con la polizia perché gli viene impedito di percorrere quello che ritengono il loro percorso tradizionale. Da sempre la parata della prima domenica di luglio a Drumcree è stata foriera di grandi violenze.

Appena la parata di orangisti si è mossa dai prati intorno alla chiesa di Drumcree, è stata raggiunta dalla polizia.

Davy Jones, portavoce dell’Orange Order, ha riferito al funzionario di polizia che la decisione della Commissione Parate è “discriminatoria” e ha chiesto al Segretario di Stato Owen Paterson di risolvere la questione riguardante la parata.

“Vorremmo chiedere al primo ministro ed al suo vice di farsi coinvolgere per risolvere questo problema, perché mentre loro assistono contenti a partite di calcio e football gaelico, il vero problema riguardante l’uguaglianza in questo paese è quello di Garvaghy Road.

“Non vi illudete”, ha proseguito. “Noi marceremo lungo Garvaghy Road”.

Il suo discorso è stato accompagnato da grida di sostegno da parte degli orangisti.

Una parte del percorso contestato, utilizzato fin dal 1807, vedrebbe le logge orangiste marciare attraverso le aree nazionaliste e cattoliche della cittadina di Portadown.

Alla fine degli anni Novanta molti disordini sono scoppiati intorno alla parata, coinvolgendo la Garvaghy Road Residents’ Coalition – l’associazione dei residenti nazionalisti – e l’Orange Order. Il cuore della diatriba è sempre stato il percorso di ritorno della parata, che dalla chiesa di Drumcree riporterebbe alla partenza le logge orangiste.