Protesta orangista in Woodvale Road

L’Orange Order ha avanzato la richiesta alla Commissione Parate per marciare nuovamente a North Belfast il prossimo sabato

Analoga richiesta è stata avanzata dall’Orange Order per sabato 3 e 10 agosto.

Nel fine settimana migliaia di dimostranti si sono riuniti presso le linee della polizia in sostegno alla parata dell’Orange Order cui è stato negato il permesso per marciare davanti agli Ardoyne Shops, in Crumlin Road, in conformità con la decisione presa dalla Commissione Parate.

L’Ordine ha affermato di voler completare la parata di ritorno bandita il 12 luglio.

Un leader dell’Orange Order ha spiegato a Utv che i colloqui con l’associazione residenti di Ardoyne non sono stati esclusi.

Però Mervyn Gibson, Gran Cappellano della Contea di Belfast, ha detto che vanno stabilite delle regole di base prima di avviare qualsiasi discussione sulle parate che transitano nell’area di North Belfast.

Le parole del reverendo giungono dopo la protesta svoltasi pacificamente sabato in Woodvale Road.

“Penso che non stiamo escludendo nulla. Organizzeremo dei colloqui se questo aiutasse la situazione.

Mervyn Gibson spera di trovare una soluzione “in modo che tutti possano vivere in una città condivisa e in un’Irlanda del Nord condiviso, cosicché i fratelli di Ligoniel possano tornare a casa e i fratelli di POrtadown possano risolvere i problemi”.

Reagendo alla notizia il parlamentare dello Sinn Fein per North Belfast, Gerry Kelly, ha detto che l’Orange Order “deve mostrare la leadership” per far muovere la situazione.

“Le richieste di autorizzazioni avanzate dall’Orange Order per altre tre parate contenziose ad Ardoyne, Mountainview e Dales non sono le azioni di un organismo che intendere diffondere tranquillità” ha affermato il parlamentare.

“La stragrande maggioranza delle persone vedono chiaramente che questo è il tentativo di creare una situazione di stallo durante i mesi estivi, che farà crescere le tensioni.

“I colloqui di Richard Haass iniziano a settembre e non ci dovrebbe essere alcuna escalation della situazione prima di questi incontri”.

Ha poi aggiunto: “Chiedo anche all’unionismo politici di usare qualsiasi influenza per assicurare che questa situazione non peggiori e che i colloqui restano l’unica strada percorribile”.

Il 12 luglio, e nelle sere seguenti, la polizia è finita sotto attacco dopo che gli ufficiali hanno fermato gli orangisti dal marciare nel quartiere nazionalista di Ardoyne, come stabilito dalla Commissione Parate.

Ad oggi, 78 persone sono state arrestate nel corso dei disordini legati alla controversa parata.

Settantuno agenti di polizia – 68 dalla PSNI e tre provenienti dalla Gran Bretagna – sono stati feriti.