ardoyne, psniIl comandante della polizia Hugh Orde ha difeso robustamente le operazioni di sicurezza compiute lunedì durante i disordini ad Ardoyne – affermando che il molte altre parti del mondo la polizia avrebbe risposto con “proiettili veri”.

Il capo della PSNI stava rispondendo alle critiche di Gerry Kelly secondo cui l’uso di proiettili di plastica era “un passo indietro”.

In un’intervista con il Belfast Telegraph, il ministro junior di Stormont ha detto che la polizia non avrebbe dovuto usarli.

Ha sollevato la questione con la polizia, con il ministro del Northern Ireland Office Paul Goggins e con il Police Ombudsman.

“Ho telefonato all’Ombudsman (difensore civico, Ndt) per essere sicuro dell’esistenza di un’indagine sull’uso dei proiettili di plastica”, ha riferito Kelly.

“Non so quanto tempo è passato dall’introduzione dei proiettili di plastica – sono anni”.

Ma il Chief Constable Orde ha reagito, chiedendo: “Ha un’alternativa?”

Ventuno agenti sono rimasti feriti nelle violenze di lunedì, orchestrate dai dissidenti repubblicani, durante le quali un colpo di arma da fuoco è stato sparato e alcune pipe-bomb sono state lanciate.

La polizia ha risposto con 17 proiettili di plastica.

“Ho guardato gli eventi evolversi”, ha detto Orde a questo quotidiano, segnando la prima intervista pubblica dopo i disordini.

“La cura tenuta sul minimo uso della forza e le considerazioni sui diritti umani erano incluse nella pianificazione operativa e nello spiegamento di forze.

Ardoyne, Psni“E’ stato costantemente controllato e nel mio giudizio le azioni degli agenti sono state del tutto proporzionate alle minacce, ed in molte parti del mondo, non ho alcun dubbio, proiettili veri sarebbero stati usati in quella situazione”.

Il Chief Constable ha monitorato gli eventi dalla sala di comando della PSNI.

“E’ incredibile che quando gli hanno sparato contro i miei agenti hanno agito con la limitazione usata”, ha affermato.

Sulla questione dell’uso dei proiettili di plastica ha detto: “Tutti sono stanamente silenziosi nel dire cosa avremmo potuto fare”.

Hugh Orde, che lascerà il suo posto a settembre per diventare presidente dell’Association of Chief Police Officers (ACPO) (Associazione dei Comandanti di Polizia), ha accusato i dissidenti repubblicani di “cercare di trascinare l’Irlanda del Nord nel passato”.

Ha ricordato che “stano cercando di distruggere la vita delle persone di North Belfast – i residenti della zona”.

Il comandante della polizia ritiene che i dissidenti stiano cercando di destabilizzare ulteriormente la situazione volendo provocare una reazione della corrente principale dei repubblicani.