Paramilitari lealisti a Bangor

Un manifesto dei vigilantes paramilitari lealisti circola nella zona del quartiere di Kilcooley a Bangor

Il manifesto, con gli stemmi di UDA, UVF e Red Hand Commando, chiede alla popolazione di fornire informazioni su furti e rapine ai “rappresentanti comunitari”, promettendo che i responsabili “verranno severamente puniti”.

Nel comunicato si legge che alcuni residenti hanno già contattato i gruppi “cercando il nostro supporto per far cessare questi reati”.

Il sindaco di North Down, Andrew Muir, ha detto che il manifesto rappresenta una minaccia al ruolo della legge.

Il rappresentante di Alliance Party ha affermato: “Mentre tutti i crimini, compresi i furti e le rapine contro i più anziani, sono riprovevoli, non c’è posto in questa società per l’attività di vigilanza da parte di organizzazioni paramilitari illegali che cercano di intimidire e controllare le comunità.

“Condanno senza esitazione questo tentativo di minare il ruolo della legge e spero che tutti i leader civici si uniscano a me affermando che le sole persone che dovrebbero investigare sulle attività criminali e cercare di arrestare i presunti autori sono gli agenti del Police Service of Northern Ireland.

“Chiedo alla popolazione di contattare la polizia o Crimestoppers se in possesso di informazioni riguardante qualsiasi crimine”.