Padre Gary Donegan + Martin Og MeehanCome molti repubblicani di Belfast, io e un certo numero di membri di RNU ci siamo recati a Short Strand per dimostrare il nostro sostegno e solidarietà alla piccola comunità. Dopo un attacco settario non provocato contro le case dei residenti, fatto da oltre 100 membri armati e mascherati dell’Ulster Volunteer Force (UVF). Mentre la RUC/PSNI sedeva disinteressata nelle loro Land Rover.

Quando siamo arrivati, ​​centinaia di persone erano già in strada in direzione della chiesa cattolica di San Matteo, mentre tantissimi unionisti stavano attaccando la Cappella con pipe bomb, molotov, bottiglie e pietre. Decine di giovani residenti hanno coraggiosamente respinto l’attacco con le poche molotov a loro disposizione. Siamo quindi giunti in Strand Walk, che ospita una serie di bungalow appartenenti a persone della terza età. Siamo stati testimoni di come queste case sono state colpite con ogni sorta di oggetti e bombe molotov. Pezzi di tubo erano rimasti sui tetti e nei giardini, mentre un certo numero di giovani feriti erano stati colpiti dai proiettili di plastica. Mentre la polizia politica britannica continuava a sparare indiscriminatamente tra la folla. Due dimostranti lealisti sono stati colpiti da proiettili sparati da Short Strand.

Abbiamo anche camminato per Mountpottinger Road e parlato con un numero di residenti le cui case e auto erano state attaccate dall’orda armata ore prima. Erano chiaramente sconvolti e depressi per quello che era accaduto. Tuttavia, tessevano le lodi dei giovani che avevano spinto i lealisti tornare in Castlereagh Street e che forse avevano salvato la vita di innumerevoli persone.

Verso l’1:00, i disordini stavano per terminare e gli attivisti RNU sono tornati a casa. Il giorno seguente, la comunità era preparata per un altro assalto lealista. Membri anziani del Movimento dei Provisional, in accordo con alcuni lavoratori comunitari, hanno chiuso i cancelli del Centro Comunitario locale, la Sala Parrocchiale e altri cancelli di sicurezza, anche in Strand Walk. I media intanto cercavano di parlare dell’incursione come di una sommossa settaria tra bande settarie nazionaliste ed unioniste. Tuttavia il sindaco di Belfast, Niall O’Donnaille ed il giornalista Barney Rowan hanno subito chiarito che la UVF aveva attaccato la piccola comunità repubblicana, provocando una seria violenza di strada. Per fortuna, la loro versione è stata presa sul serio e segnalata come tale.

La seconda notte alcuni membri RNU sono tornati nuovamente a Short Strans per osservare e monitorare la situazione. Abbiamo anche offerto il nostro aiuto, se fosse stato necessario, così come i membri dell’IRSP, éirígí, 32CSM, RSF e Repubblicani Indipendenti. Come la sera prima, siamo andati in Strand Walk e ho notato che il cancello di accesso a San Matteo era chiuso con catena e lucchetto. Siamo stati molto sorpresi del fatto che molti difensori avevano utilizzato il cancello per proteggere la Cappella da un attacco la sera prima. Non molto tempo dopo il nostro arrivo, un uomo mascherato è apparso con una serie di cesoie e ha cominciato a tagliare la catena che precludeva l’accesso. Come non residenti, siamo rimasti indietro e gli abbiamo “permesso” di fare il suo lavoro. In pochi secondi, una donna di mezza età ci ha avvicinato e, ciamandomi per nome, mi ha detto: “sto raccontando ai media e alla polizia che state tagliando la catena!” Ho subito negato ogni coinvolgimento e ho chiesto alla donna chi fosse. Mi ha risposto: “Io vivo qui e nessuno può venire qui!” Qualcuno accanto a me le ha chiesto, “Come pretende di proteggere la strada e la Cappella se il cancello è incatenato?” Lei ha risposto negativamente, accusandoci di essere “forestieri”. Ho risposto dicendo: “Di sicuro Billy McKee era un forestiero e ha difeso Short Strand nel 1970!” Incredibilmente, la donna ha affermato: “Billy McKee, chi è? Non ho mai sentito parlare di lui”. Beh, abbiamo riso tutti, perché Billy McKee era un veterano repubblicano che è stato colpito otto volte nel corso della famosa Battaglia di San Matteo. Quando i neonati Provisional IRA difesero con successo Short Strand da un pogrom unionista. Era evidente a tutti noi che, data l’età di questa donna, avrebbe dovuto sapere esattamente chi era Billy McKee e che le sue parole erano solo un insulto.

Poco dopo due ex prigionieri di guerra sono arrivati a parlare alla donna e lei ha detto loro che non eravamo i benvenuti, che avevamo tagliato la catena ecc. Conosco bene i due uomini ed ero stato negli H-Blocks con entrambi. Erano entrambi molto civili, anche se erano Provisional. In analoghe occasioni, alcuni Provos solitamente cercano di intimidire i repubblicani alternativi come me. Quando ho fatto notare alla donna che entrambi gli uomini forestieri e provenivano da North Belfast, ha risposto: “Sì, lo sono ma sono okay”. Più tardi ho scoperto che la donna in questione era effettivamente una residente di Short Strand e attuale membro del Provisional, Sile Darragh.

Pochi minuti dopo, un anziano Provo è apparsp sulla scena e ha cominciato a venire verso di me continuando a guardarmi. Come molti dei presenti di quella sera, questo particolare Shinner viveva al di fuori dell’area, precisamnte ad Andersonstown. Dopo essere giunto di fronte a me, ha continuato a fissarmi senza dire una parola. Fino a quando ho chiesto: “C’è un problema, Duckser?” Ha risposto chiamandomi “disonore”. Gli ho subito ricordato che durante i disordini del 12 luglio ad Ardoyne, mi aveva bollato come informatore con un mio vicino. Quando sono state chieste le prove, Duckser ha semplicemente scherzato: “Lo so!” Sapevo che questo era un altro triste tentativo di attaccare la mia integrità e l’ho sfidato sul commento fatto in passato: “Devo lamentarmi nei tuoi confronti”. Tipicamente, lui non ha risposto ma ha continuato con il suo sguardo da adolescente. Allora ho detto: “Lo scorso luglio mi hai definito spia con Henry, sei in grado di produrre alcuna prova?” Ha risposto: “Lo so!” Ho anche detto: “Lo diresti anche se Martin Meehan fosse ancora vivo?” Di nuovo ha risposto: “Sì” con la faccia seria, anche se io sono suo figlio. Ha anche affermato che mio padre era un suo amico. Prima di partire, Duckser anche cercato di pungolarmi, affinché lo colpissi. Continuava a riptere: “Dai”, indicandosi il mento.

Da quando ho lasciato il Provisional Sinn Fein per essersi espresso a favore della polizia britannica in Irlanda, sono stato ripetutamente stato diffamato, calunniato e fortemente criticato da una serie di Shinners di alto profilo. Sono stato etichettato come un alcolizzato, anche se non bevo, un uomo che picchia la moglie, nonostante abbia un matrimonio felice, un ladro senza prove e un agente britannico, a dispetto di oltre due decenni di servizio alla Repubblica. Il comportamento infantile di Duckser era un altro stadio, ma non era riuscito ad attirarmi in un conflitto. Da quando queste voci patetiche sono iniziate, ho sfidato questi detrattori a produrre prove, senza alcun risultato. Ho di nuovo sfidato Duckser ed i suoi compari a rendere tutto quello che hanno nel pubblico dominio? E ‘ovvio però, che preferiscono sussurare piuttosto ch dire la verità!”

Se Duckser crede che calunniare, rafforzare e sostenendo la Partizione e la polizia politica che ha permesso alla UVF di prendere d’assalto Short Strand, sia il percorso corretto per una nazione di 32 Contee Socialista Democratica Repubblica Irlandese, può mantenere la sua illusione. Imperterrito, continuerò la strada verso il socialismo e la liberazione, smascherando l’imperialismo britannico e ciò che è corrotto nella società irlandese.