Magennis Bar, dove fu ucciso Robert McCartneyUn amico di Robert McCartney, testimone al processo per l’omicidio dell’uomo, ha affermato di aver ricevuto la visita da parte di rappresentanti dell’Ira, pochi giorni dopo l’assassinio.

McCartney, 33 anni, fu picchiato ed accoltellato a morte all’esterno di un bar di Belfast il 30 gennaio 2005.

Ed Gowdy ha riferito, dinanzi alla corte nel tribunale di Belfast, che gli venne detto di non collaborare con la polizia.

Tuttavia, ha detto settimane più tardi, un rappresentante dell’Army Council dell’Ira gli annunciò che avrebbe potuto parlare con detective. Fornì quindi una dichiarazione completa in data 10 marzo 2005.

Gowdy, che si trovava insieme a McCartney nella sera in cui fu ucciso, ha detto che le sue dichiarazioni precedenti a tale data contenevano menzogne perché aveva paura della punizione dell’Ira.

Ma in un contraddittorio, Gowdy ha detto di non poter ricordare il 90% di ciò che accadde quella la notte, concordando di essere stato molto ubriaco al momento.

Terence Davison, 51 anni, di Stanfield Place, Belfast, nega la partecipazione all’omicidio.

Davisono è anche accusato di rissa come James McCormick, 39 anni, e Joseph Gerard Emmanuel Fitzpatrick, 47 anni.

Fitzpatrick è inoltre accusato di aggressione nei confronti di un altro amico di McCartney.

Il processo continua.