Phil Hamilton (PUP) con la bandiera Young Citizen VolunteersLe bandiere erette a Glengormley per commemorare l’Ulster Volunteer Force saranno ritirare alla fine di luglio. Lo annuncia un lavoratore comunitario lealista.

Le bandiere hanno provocato una rabbiosa reazione da parte di alcuni residenti, secondo cui offuscherebbero l’immagine dell’area. Inoltre sono state esposte anche le bandiere degli Young Citizen Volunteers, un altro gruppo con connotazioni paramilitari.

Un certo numero di residenti hanno chiesto il ritiro immediato delle bandiere e hanno chiesto se l’esposizione di simboli contenenti i nomi di UVF, YCV e altri gruppi di assassini lealisti è legale.

Ma Phil Hamilton, rappresentante del Progressive Unionist Party – espressione politica dei paramilitari lealisti dell’UVF e del Red Hand Commando, ha detto che le bandiere sono state erette per onorare tutti gli irlandesi che persero la vita nel corso della Prima Guerra Mondiale. Hamilton, lavoratore comunitario di Rathcoole, ha annunciato che le bandiere saranno tolte alla fine di luglio.

“Queste bandiere sono bandiere storiche e non rappresentano alcuna organizzazione paramilitare”, ha spiegato.

“Sono disposto a sedermi con chiunque per spiegare la storia di queste bandiere”.

Hamilton, un membro attivo del gruppo Amici della Somme di Rathcoole, ha aggiunto: “La bandiera viola della 36ª Divisione Ulster è chiaramente marchiata e datata e commemora la firma dell’Ulster Covenant del 1912 e la formazione iniziale dell’Ulster Volunteer Force.

“La bandiera riconosce anche i sacrifici degli uomini provenienti da tutta l’Irlanda che hanno servito il paese durante la Grande Guerra, in particolare nella battaglia della Somme.

“Quest’anno corre il 100° anniversario della costituzione del 14° Battaglione 14 dei fRoyal Irish Rifles – i Young Citizen Volunteers. Il battaglione aveva nelle sua fila sia protestanti che cattolici pronti a combattere fianco a fianco. La bandiera ricorda i sacrifici fatti da questi uomini.

“Queste bandiere di certo non rappresentano alcuna organizzazione paramilitare”.