I piani per la vendita di 21 stazioni PSNI in tutta l’Irlanda del Nord sono stati approvati dal Policing Board, mentre altre 9 stazioni resteranno operative

Polizia | Police | PSNILe stazioni PSNi di Belfast in procinto di chiudere sono quelle di North Queen Street, Donegall Pass, Knocknagoney e Ballynafeigh.

Anche le stazioni di Crossgar, Killyleagh, Saintfield, Comber e Donaghadee chiuderanno, insieme a quelle di Glengormley e Randalstown, Keady e Brownlow, Irvinestown e Fintona, Dungiven e Eglinton, Cloughmills, Bushmills, Glenarm e Garvagh.

“È importante che queste cessioni siano viste nel contesto di un immobile di polizia che si adatta alle moderne esigenze e garantisce valore ai soldi”, afferma il presidente del Policing Board, Brian Rea.

Accogliendo con favore l’approvazione dei piani da parte del Policing Board, la PSNI ha detto che ci saranno più agenti di polizia nelle strade invece che confinati nelle stazioni.

“La recente ristrutturazione ha permesso di avere oltre 600 agenti di polizia per i servizi nelle strade”, ha affermato Dave Jones, Assistant Chief Constable della PSNI.

“La distribuzione di smartphone ad oltre 4.000 agenti di polizia in prima linea ha ridotto la necessità di tornare nella stazione per completare le attività amministrative, aumentando la quantità di tempo spesa in pattugliamento di oltre due ore per turno”.

Le proposte per chiudere altre quattro stazioni – Hillsborough, Dromore, Portglenone e Broughshane – hanno incontrato le preoccupazioni delle comunità, subito analizzate dalla PSNI.

Secondo Rea, per queste quattro stazioni la PSNI si è “impegnata per un ulteriore impiego nella transizione verso le cessioni, che si concluderanno il 1° aprile 2015”.