Posto di blocco | Checkpoint

La polizia ha riferito che quasi duemila veicoli sono stati fermati ai posti di blocco istituiti per indebolire i repubblicani a Belfast

I repubblicani contrari al processo di pace hanno lanciato un’ondata di attacchi, cercando di far esplodere una bomba vicino ad una delle principali stazioni di polizia nordirlandesi e ad un centro commerciale.

Hanno inviato lettere bomba a funzionari della polizia e sparato ad alcune pattuglie, facendo aumentare il numero dei tentati omicidi.

La polizia ha istituito più di 300 posti di blocco durante la trafficata stagione pre-natalizia, ma i commercianti hanno arlato di segnali promettenti.

Alan McCrum, Soprintendente Capo PSNI, ha affermato: “I nostri posti di blocco sono molto più sporadici (che durante i Troubles), ma sono anche imprevedibili.

“I posti di blocco sono molto più brevi in lunghezza, ma hanno anche un notevole effetto deterrente e quindi abbiamo raggiunto un maggiore equilibrio tra la rassicurazione della popolazione e la protezione”.

Alcuni colpi di arma da fuoco sono stati sparati contro le pattuglie della polizia a North e West Belfast, negli ultimi giorni. Ad Ardoyne sono stati sparati 10 proiettili da un’arma di tipo militare.

Recentemente un autista è stato costretto a trasportare un ordigno esplosivo al parcheggio del centro commerciale di Victoria Square a Belfast. Il detonatore è esploso, ma non è riuscito a innescare la bomba principale.

La polizia ha organizzato 323 posti di blocco, dove le auto possono essere fermate e perquisiti autisti e interno dei veicoli.

Tra il 25 novembre e il 10 dicembre sono stati fermati 1.784 veicoli.

McCrum ha detto che non hanno inciso sulla vita commerciale della città.

Ufficiali hanno detto che la minaccia repubblicana rimane grave. Negli ultimi anni hanno ucciso due poliziotti, due soldati e una guardia carceraria.

L’Assistant Chief Constable Will Kerr ha dichiarato: “C’è una minaccia proveniente dai gruppi repubblicani dissidenti contro il centro della città e nelle aree cittadine della provincia.

“L’unico obiettivo del terrorismo è quello di causare disagi”.