L’uomo di affari di Derry che ha abbandonato la città dopo la minaccia di morte del RAAD ha chiesto al gruppo repubblicano di ritirarla

Raymond CoyleA Raymond Coyle il RAAD sparò nel 2010 perché ritenuto colpevole di vendere i cosiddetti “sballi legali” nel suo negozio di Derry. Ad aprile il gruppo repubblicano ha emesso una nuova minaccia di morte contro l’uomo.

In una lettera al Derry Journal, Coyle spiega di “non aver infranto la legge e di non aver commesso alcun crimine”.

Il Republican Action Against Drugs ha affermato che gli uomini esiliati da Derry possono ritornare in città.

Ma il gruppo ha detto che possono rientrare in città solo se entrano in contatto con “onesti gruppi comunitari”.

Il RAAD ha detto di aver costretto solo “un piccolo numero di persone” ad abbandonare la città.

Ma Michael Doherty, del gruppo Pace e Riconciliazione, ha detto che il suo ufficio si è occupato di 58 persone minacciate sin da febbraio 2011.

Nella sua lettera, Coyle ha anche dichiarato che credeva di essere minacciato non a causa del suo negozio ma perché aveva contribuito ad organizzare le manifestazioni contro il RAAD, dopo l’assassinio di Andrew Allen.

Parlando a BBC Radio Foyle, Coyle ha invitato il RAAD a ritirare subito la minaccia contro di lui, e esorta la gente a parlare contro il RAAD.

“È inutile restare tranquilli mentre a Derry stra accadendo questo.

“Questi teppisti intimidiscono la gente e diffondono il terrore, e la gente deve parlarne.

“Le persone dovrebbero scendere per le strade a protestare contro di loro.

“Il RAAD dovrebbe sciogliersi, disarmarsi e andarsene”.