Graffiti contro Raymond Gilmour a Derry

Esclusiva Belfast Daily: Il pentito Raymond Gilmour afferma che consegnerà i nomi di una serie di membri dei Provisional IRA che sono responsabili di omicidi irrisolti

Raymond Gilmour, 54 anni, ha deciso di “sollevare il coperchio sulle atrocità commesse dalla Brigata di Derry dell’IRA”, dopo la pubblicazione della sua storia avvenuta sul Belfast Daily.

Ha detto di essere stato “inondato” di messaggi di sostegno dopo aver detto che avrebbe riferito alla PSNI che il vice primo ministro Martin McGuinness ha ordinato una serie di omicidi a Derry risalenti ad oltre 30 anni fa.

Le sue rivelazioni sono state fatte anche nel suo nuovo libro ‘What Price Truth?’ (Quale prezzo per la verità?) che è stato appena pubblicato.

Adesso ha detto al Belfast Daily che farà i nomi alla polizia, rivelando gli assassini di:

  • Christopher Shenton, soldato inglese di 21 anni, ucciso da un cecchino IRA nel gennaio del 1981 mentre presidiava un posto di osservazione a Castle Gates, Derry, che si affacciava sul quartiere repubblicano di Bogside.
  • Joanne Mathers, protestante e operatrice del censimento. La signora Mathers fu uccisa a Anderson Crescent a Gobnascale, Derry, mentre raccoglieva i moduli nel 1981.
  • David Montgomery, assassinato nel febbraio 1981 nella fabbrica di legname Keys a Derry. Gilmour afferma di conoscere l’identità dei suoi assassini. “Uno di loro si è vantato dell’omicidio in una riunione IRA il giorno successivo. Avevano fatto viaggi di prova al cantiere nelle settimane precedenti l’omicidio”.
  • Lord Louis Mountbatten ucciso nel 1979 nella Contea di Sligo da una bomba piazzata sulla sua barca.

Raymond Gilmour ha detto Belfast Daily: “Trenta anni fa, quando stavo rilasciando dichiarazioni allo Special Branch della RUC e al CID, nessuno era interessato a Martin McGuinness.

“Tutto era stato tenuto lontano da lui. Qualcuno lo stava proteggendo all’interno dei servizi di sicurezza. Non si può essere stato il numero uno a Derry per tutto quel tempo senza essere mai incarcerato.

“Ora sto chiedendo alla PSNI, attraverso il mio avvocato a Belfast, di venire ad interrogarmi in merito a quanto so che è accaduto tanti anni fa.

“Voglio che questo sia un nuovo approccio a quanto accadde. Ho i nomi di coloro che sono coinvolti in questi omicidi, alcuni dei quali sono esponenti politici dello Sinn Féin.

“Queste famiglie meritano di sapere la verità e anche di ottenere giustizia”.

Recentemente Raymond Gilmour è stato accompagnato in Inghilterra da ex membri delle forze di sicurezza per incontrare poliziotti inglesi e raccontare loro degli omicidi IRA avvenuti a Londra e Birmingham.

Una lettera è stata inviata questa settimana dall’avvocato di Gilmour, destinatario il comandante della polizia nordirlandese Matt Baggott, cercando un incontro tra l’ex pentito (supergrass, Ndt) e gli investigatori dell’Unità Investigazione sul Terrorismo (Terrorist Investigation Unit).

Il suo avvocato chiederà che la PSNI o la polizia londinese metta Raymond Gilmour in regime di protezione dei testimoni, per prevenire eventuali attacchi.

Raymond Gilmour è apparso nello show di Frank Mitchell U105 venerdì mattina per parlare della sua vita in fuga dall’IRA per tre decenni.

“È stata un’intervista pre-registrata e hanno eliminato tutte le cose veramente importanti che volevo dire. Sentivo che mi avrebbero censurato”.

Dice che parlare del suo passato ha contribuito ad alleggerirlo dei segreti appresi tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli Ottanta.

“Più mi apro su quanto è accaduto tanti anni fa, meglio mi sento.

“A queste persone nello Sinn Féin e nell’IRA non dovrebbero permettere di andare liberi dopo aver compiuto omicidi a sangue freddo.

“Sinn Féin e nell’IRA stanno cercando di screditarmi. Perché? Perché sanno che io cnoscola verità.

“Quando sono diventato un pentito all’inizio degli anni Ottanta, ho distrutto l’IRA a Derry. Li ho messi in ginocchio.

“Adesso ho intenzione di fare lo stesso. E questa volta voglio vedere Martin McGuinnnes sul banco degli imputati perché ha le mani sporche di sangue di un sacco di vittime”.

http://www.youtube.com/watch?v=Vm_35cEeMf4