Il ventunenne accusato di aver minacciato i rumeni abitanti a South Belfast è stato “esiliato” dall’area

Belfast: Romanian - RomeniL’Alta Corte ha imposto una zona di esclusione a Shane Murphy, accusato di reati che hanno portato famiglie straniere ad abbandonare le proprie abitazioni.

E’ accusato di aver minacciato i rumeni abitanti in una casa in Belgravia Avenue.

Murphy, di Donegall Road, è stato presumibilmente implicato nel disturbo di un raduno anti razzista nella zona.

Due adolescenti sono già stati accusati di aver provocato disordini durante la marcia.

La polizia non si è opposta alla richiesta di rilascio su cauzione di Murphy, dopo la garanzia di aver trovato un indirizzo alternativo dove vivere.

L’avvocato della Corona, Conor Maguire, ha detto alla corte che la preoccupazione era di impedire all’accusato di entrare nella zona di Lisburn Road.

A Murphy è stato anche ordinato di non avvicinare i testimoni.

“Era la ragione per la quale abbiamo cercato l’allontanamento da quella zona” ha detto l’avvocato Maguire.

Garantendo il rilascio, il giudice Girvan ha obbligato l’accusato a vivere presso una zia adottiva a Jordanstown, nella Contea di Antrim.

Il giudice ha accolto la proibizione di contattare i testimoni.