di Sean Rayment, Security Correspondent

I repubblicani starebbero progettando una campagna di attacco in Gran Bretagna, affermano le forze di sicurezza

Real Ira, Easter 2009I repubblicani irlandesi starebbero pianificando una serie di attacchi nel Regno Unito nell’ennesimo tentativo di far deragliare il processo di pace nordirlandese.

Il servizio segreto MI5 è convinto che i gruppi repubblicani abbiano reclutato gli esperti in esplosivi dell’Irish Republican Army subito dopo l’incremento di violenza nella regione.

Le bombe, assemblate con fertilizzanti all’idrogeno ed esplosivo commerciale, dovrebbero essere sofisticate quanto quelle utilizzate dai Provisional tra gli anni Ottanta e Novanta.

L’MI5, che ha adesso la responsabilità della raccolta di informazioni di intelligence in Irlanda del Nord in seguito alla riorganizzazione delle mansioni della polizia, ritiene i repubblicani “capaci e in grado” di attaccare l’Inghilterra.

I gruppi repubblicani includono la Real IRA e il Continuity IRA – e Oglaigh na hEireann – tutti contrari al processo di pace e che ritengono i membri delle forze di sicurezza obiettivi legittimi.

A marzo paramilitari della RIRA e della CIRA sono stati responsabili della morte di due soldati britannici presso la base di Massereene Barracks ad Antrim e di un poliziotto a Craigavon.

Secondo le forze di sicurezza i dissidenti sono “una reale minaccia” per il processo di pace e adesso intendono spostare la propria campagna di violenza al di fuori dell’Ulster.

Una fonte interna a Whitehall ha detto: “Al momento, l’obiettivo principale dei dissidenti è l’Irlanda del Nord ma i servizi segreti hanno ampie vedute sulle loro intenzioni e chiaramente aspirano ad attaccare il suolo del Regno Unito”.

Un ufficiale dell’esercito di stanza in Irlanda del Nord ha aggiunto: “L’adagio «una bomba a Londra è meglio di dieci in Ulster», è vero oggi come lo era dieci anni fa per l’IRA.

“Sappiamo che i repubblicani vorrebbero piazzare bombe nel Regno Unito e sappiamo che hanno acquisito la capacità di costruire autobomba sofisticate. Se possono farlo, lo faranno”.

Secondo l’ufficiale c’è un crescente aumento dell’appoggio agli elementi più estremi dell’IRA per gli attacchi contro le forze di sicurezza.

Il militare ha aggiunto: “C’è gente nell’IRA che inizialmente appoggiava il processo di pace ma adesso è disillusa ed è contenta di vedere i repubblicani attaccare la polizia e l’esercito”.

L’MI5 ha riscontrato crescenti livelli di sofisticazione negli attacchi dei repubblicani in Ulster negli ultimi 18 mesi, culminati con la morte di tre appartenenti alle forze di sicurezza.

Si presume che uno dei gruppi paramilitari abbia reclutato un ex artificiere di punta dell’IRA, coinvolto in un fallito attentato all’inizio di quest’anno.

Un’auto con 300 libbre di esplosivo a bordo (circa 140 kg), abbandonata fuori Castelwellan nella Contea di Down a gennaio, era simile a quella utilizzata ad Omagh nel 1998 che uccise 29 persone, inclusa una donna incinta di due gemelli.

L’auto bomba era destinata alla base dell’esercito britannico a Ballynkler. Oglaigh na hEireann, che si prese la responsabilità per l’attacco, disse di aver pianificato l’ingresso della vettura dal cancello della caserma prima di farla esplodere.

La Real IRA ha recentemente comunicato che intende attaccare la Gran Bretagna “appena giunge il momento giusto”.

Nel messaggio di Pasqua il gruppo ha minacciato Martin McGuinness dello Sinn Fein, dopo che il vice primo ministro ha accusato i repubblicani di tradimento.

La Real IRA ha detto: “Ricordiamo al nostro ex compagno la natura e le azioni di un traditore. Tradimento è collaborare con il nemico. Tradimento è voltare le spalle alla tua patria. Il movimento repubblicano ha una memoria lunga”.

Venerdì scorso la PSNI ha informato McGuinness dell’esistenza di un piano per assassinarlo.

E’ risaputo che la Real IRA stia cercando di rifornire gli arsenali con esplosivi e fucili automatici. Uno dei suoi presunti membri – Michael Campbell – è attualmente detenuto in Lituania per contrabbando di armi.

Nello scorso anno i vari gruppi hanno lanciato una serie di attacchi contro la polizia nordirlandese e due settimane fa la Real IRA ha minacciato di colpire i giovani cattolici che si arruolano nella Police Service of Northern Ireland.

I gruppi repubblicani stanno attualmente reclutando giovani attraverso siti di social networking e la base di questi gruppi, anche se piccola, sta cominciando a crescere. Le ultime stime reputano che gli appartenenti ai repubblicani potrebbero essere tra 300 e 600 persone.

Patrick Mercer, parlamentare dei Tory per Newark ed ex comandante di fanteria con nove turni di servizio in Irlanda del Nord ha riferito: “Chiunque pensi che il repubblicanesimo armato irlandese sia scomparso sta sognando.

“La minaccia è reale e pericolosa e mentre il processo politico è incoraggiante, ci sono molte persone che lo demolirebbero, se ne avessero la possibilità”.