stop and searchUn repubblicano di Derry ha respinto le affermazioni fatte da un alto ufficiale di polizia sulla quantità di volte durante le quali la gente viene fermata e perquisita dalla PSNI (Stop and Search).

Martin O’Neill, membro del 32 County Sovereignty Movement, ha rigettato le frasi del comandante della zona di Foyle, Chris Yates, secondo cui “una o due” persone erano state fermate “tra le 6 e le 8 volte in un periodo di tre mesi”.

Le informazioni del comandante dalla polizia sono state fornite, in risposta ad una richiesta scritta, durante un recente incontro del District Policing Partnership (DPP).

O’Neill ha affermato di essere stato personalmente sottoposto a 24 fermi negli ultimi tre mesi. Afferma di conoscere altri repubblicani nelle sue stesse condizioni.

Ha mostrato al Derry Journal i documenti che gli sono stati consegnati dalla PSNI ogni volta che è stato fermato.

O’Neill si è detto sorpreso del commento dell’ispettore capo Yates.

“O l’ispettore Chris Yates si è sbagliato oppure non sa cosa stanno facendo i suoi agenti. Sono stato fermato 24 volte negli ultimi due mesi e mezzo. La maggior parte delle volte sono stato fermato mentre ero al lavoro come tassista, alcune volte mentre avevo clienti a bordo, e non sono mai stato arrestato perché la polizia non ha mai trovato nulla”, ha affermato O’Neill.

Il repubblicano ha anche chiesto ai membri del DPP di Derry di spiegare l’apparente discrepanza con le affermazioni di Chris Yates.

“E’ questa l’affidabilità di cui parlano lo Sinn Fein ed i suoi lavoratori comunitari? Il DPP dice di poter fornire responsabilità, ma dov’è la responsabilità in cifre che non sono per nulla accurate?” chiede O’Neill.