Andrew AllenIl gruppo Republiblican Action Against Drugs (RAAD) si è pubblicamente assunto la responsabilità di aver “giustiziato” Andrew Allen a Buncrana, due settimane fa.

Il ventiquattrenne è stato colpito a morte nella sua abitazione di Link’s View a Buncrana giovedì 9 febbraio.

In una dichiarazione rilasciata al Derry Journal – ritenuta attendibile grazie alla speciale parola in codice – il RAAD ha spiegato che la sua “unità del Donegal” ha compiuto l’omicidio, aggiungendo che il giovane, proveniente dal Waterside di Derry, era “uno spacciatore di morte” e un criminale “in carriera”.

Il gruppo ha inoltre affermato che Allen utilizzava il nome del RAAD per “spaventare gli altri spacciatori di droga e per estorcere denaro ai piccoli criminali”.

Allen era stato avvisato dal RAAD “cinque-sei mesi fa di mettere fine alle proprie attività” ma non aveva colto al volo “l’amnistia concessa dal RAAD”.

Il RAAD ha anche emanato ulteriori minacce contro altre sei persone e le ha avvertite che potrebbero affrontare “la punizione definitiva”.

Il gruppo repubblicano ha detto di aver dovuto sospendere un secondo attacco la notte dell’omicidio a causa della presenza della polizia nella cittadina.

La dichiarazione del RAAD prosegue dicendo che il gruppo sta continuando a offrire un’amnistia a chiunque sia coinvolto nel traffico di stupefacenti.

L’omicidio di Andrew Allen è il primo realizzato dal RAAD, autore in precedenza di numerose spedizioni punitive in tutto il nord ovest.