In un comunicato rilasciato il 30 gennaio 2010, Sinn Fein Poblachtach ha criticato le azioni dello Special Branch

Il Republican Sinn Fein vede le azioni dello Special Branch (ora Special Detective Unit) al picchetto per il Bloody Sunday, avvenuto il 30 gennaio 2010 a Dublino, come gravemente ingiuriose e un po’ sinistre.

Dopo aver raccolto i nominativi e gli indirizzi di numerosi membri e sostenitori, sono entrati nel GPO (General Post Office) dove hanno scattato fotografie, attraverso le finestre, dei partecipanti al picchetto. Comparando le note, hanno scritto i nomi di quelli “fotografati”.

Ci opponiamo ai lacchè pagati di Leinster House che usano un edificio sacro repubblicano, il quartier generale della Repubblica Irlandese proclamata nel 1916, per nascondersi e raccogliere informazioni sui repubblicani irlandesi che poi passano alla polizia coloniale britannica e agli spioni dell’MI5.

I repubblicani sanno che quelle persone useranno qualsiasi metodo sottobanco per minare la lotta repubblicana. Continueremo ad evidenziare le attività del calibro dei detective Kevin Doherty e Joe Higgins.

Diciamo alla popolazione: non permettete alle loro tattiche di intimidirvi ma piuttosto rafforzate la vostra decisione di evidenziare l’ingiustizia dell’occupazione britannica nel nostro Paese.