polizia - psni vanEx membri delle force di sicurezza con decenni di servizio alle spalle non dovrebbero essere privati delle armi di difesa personale, considerato l’innalzamento del livello di allerta nella provincia.
Lo ha detto il parlamentare unionista David Simpson, eletto a Westminster nelle fila del DUP, ricordando che molti ex poliziotti e militari sono disillusi dall’attuale politica della PSNI.

Nigel Lutton, fautore di campagne a favore delle vittime, ha detto che la politica della polizia di rifiutare le richieste di rinnovo del porto d’armi in mancanza di dirette minacce, era inadeguata.

Non ci sarebbero state, infatti, minacce contro i soldati uccisi ad Antrim o contro Stephen Carroll, poliziotto assassinato a Craigavon.

Simpson ha detto: “Molti sono disillusi ed è ingiusto verso gente che ha dato 25 o 30 anni della propria vita per proteggere la ppopolazione.

“L’intero problema è sorto dopo gli attacchi alla caserma di Massereene e contro l’agente in servizio a Craigavon.

“Vorrei domandare se ci sono specifiche minacce verso altri, perché non si sa quando potrebbe avvenire un altro attacco”.

Ad inizio settimana l’assistente comandante della polizia Roy Toner ha scritto al Pari dell’Ulster Unionist Party, Maginnis, per affermare che una revisione era in corso.

Simpson ha quindi aggiunto che “alcuni possono ritenere un tempo sbagliato per rivedere la politica della polizia ma c’è mai un tempo giusto?”

Per il parlamentare molti nella sua circoscrizione elettorale sono stati “messi in condizione di sentirsi vulnerabili” perché le loro armi sono state ritirate e afferma che chiunque abbia dovuto riconsegnare l’arma dovrebbe appellarsi contro questa decisione.

Lutton, consigliere del South Down Action for Healing Wounds, ha detto che alcune persone gli hanno riferito dell’esistenza di una “deliberata” politica volta a rimuovere le armi legalmente ottenute.

Ha affermato che un ex appartenente alle forze di sicurezza ha descritto questa linea come una “concessione al terrorismo” e che la PSNI ed il Northern ireland Office stanno “giocando con la vita della gente”.

L’uomo avrebbe constatato che “se la polizia impiegasse più tempo per rimuovere le armi illegali dalle strade di South Down e South Armagh, gli ex ufficiali non avrebbero bisogno di armi per la sicurezza personale”.

Lutton ha affermato che il suo gruppo ha fatto pressioni affinché le armi già ritirate fossero restituite “a coloro che hanno servito la nazione e sostenuto lo stato di diritto negli ultimi 30 anni”.

Per una migliore difesa personale “ci sono persone che ci contattano per sapere se sono sotto minaccia”.

“E’ una grossa preoccupazione”, conclude Lutton, “dire loro che il livello di allarme si è innalzato e che non possono dotarsi di armi di difesa”.