La polizia ha consegnato le foto di altre otto persone cui vogliono parlare in relazione ai disordini scoppiati ad Ardoyne il 12 luglio

Ardoyne Riot | 12 07 2010I poliziotti furono attaccati con bottiglie incendiarie, mattoni e altri oggetti. Risposero con proiettili di plastica e cannoni ad acqua.

Le violenze proseguirono per altre due notti.

Una squadra di 20 ufficiali PSNI hanno analizzato centinaia di ore di filmati ripresi da telecamere a circuito chiuso e migliaia di fotografie.

Gli investigatori hanno anche scandagliato i social network ed i siti ove si caricano filmati per verificare se i rivoltosi o dei loro amici avevano inserito potenziali prove.

Il poliziotto che guida l’inchiesta ha affermato che 71 persone sono state arrestate in seguito ai disordini, 47 delle quali collegate a quelli esplosi a North e West Belfast.

L’Ispettore Capo Alan Little spera che la pubblicazione delle foto possa aiutare nell’identificazione dei sospettati.

“Da quando sono esplosi i gravi disordini, abbiamo avuto un’incredibile risposta da parte della popolazione ai nostri appelli.

“Spero che la comunità, ancora una volta, ci aiuti ad identificare questi uomini cui vogliamo parlare in connessione con la nostra indagine sui disordini che hanno portato sgomento alla popolazione di North Belfast durante l’estate”, ha affermato.