Peter Robinson potrebbe rimescolare i ministri del DUP nei prossimi giorni in seguito agli scarsi risultati alle elezioni europee

Peter Robinson, primo ministro Irlanda del NordLo scorso mese il primo ministro ha indicato che tutti i nove parlamentari eletti a Westminster – tranne uno – lasceranno il loro posto nel Northern Ireland Executive, in una mossa che tende a constrastare il doppio incarico.

L’iniziativa era attesa per autunno inoltrato ma adesso potrebbe essere anticipata, visti i risultati delle elezioni europee rilasciati lunedì.

Sebbene la candidata del DUP Diane Dodds sia stata alla fine eletta, ha richiesto il trasferimento al rivale, il leader del Traditional Unionist Voice Jim Allister.

Il voto del DUP è crollato al 18%, la prestazione più bassa in un’elezione europea, essendo sempre stato il partito più votato in ogni precedente occasione.

I parlamentari del DUP hanno fatto delle speculazioni per le possibili promozioni, indicando come preferiti Nelson McCausland, Michelle McIlveen e Simon Hamilton.

Anche l’ex ministro allo Sport, Edwn Poots, potrebbe tornare al tavolo dell’Esecutivo.

Di tutta la squadra ministeriale attuale, composta da sei persone, solo Arlene Foster non è eletta anche nel parlamento di Westminster.

Reagendo alla riduzione dei voti per il partito, Robinson ritiene che i rappresentanti del DUP siano stato puniti per essere stati troppo assorbiti nel governo del Nordirlanda.

Ha detto: “Non sono uno che blogga con regolarità ma ho letto un commento che ritengo pertinente nel quale si dice che lo Sinn Fein ha molto da imparare dal DUP in termini di governo ma il DUP ha altresì molto da imparare dallo Sinn Fein in termini di comunicazione con la base.

“C’è molta verità in quella frase”.