Bombe di mortaio ritrovate a Derry

Un repubblicano si è dichiarato colpevole per le accuse connesse ad uno sventato attentato che doveva colpire una stazione di polizia a Derry

Seamus McLaughlin, 36 anni del quartiere di Creggan, è apparso in aula a Belfast giovedì scorso.

Si è dichiarato colpevole per quattro mortai “pronti da utilizzare” e di un’ordigno incendiario improvvisato con l’intento di mettere in pericolo la vita.

Ha anche ammesso di aver posseduto un veicolo destinato a fini terroristici.

Sean McLaughlin è stato rinviato in custodia in attesa di condanna.

Il tentato attacco è avvenuto il 3 marzo del 2013, quando quattro bombe di mortaio e un ordigno esplosivo furono ritrovati all’interno di un furgone in Letterkenny Road.

Per consentire ai mortai di sparare, il tetto del furgone era stato tagliato.

L’obiettivo dell’attacco si ritiene fosse una stazione della polizia.

Un secondo imputato, Gary McDaid 37 anni di Derry, è stato accusato di possesso di esplosivi con l’intento di mettere in pericolo la vita e di detenerli in circostanze sospette.

Il suo processo senza giuria (Diplock trial, Ndt) dovrebbe iniziare a settembre.