Sean KellyOggi pomeriggio la PSNI ha rilasciato incondizionatamente l’ex membro dei Provisional IRA Sean Kelly.

Il suo fermo, avvenuto questa mattina e legato al ferimento di un giovane ad Ardoyne, aveva provocato furiose reazioni da parte dei politici unionisti.

Il primo ministro Peter Robinson, DUP, aveva parlato di “processo di pace a rischio”, mentre Jim Allister, TUV, ha chiesto il “ritiro della licenza di rilascio anticipato” ottenuta da Sean Kelly in base all’Accordo del Venerdì Santo.

Lo Sinn Féin, con un comunicato a firma di Martin McGuinness, aveva chiesto agli unionisti di “mantenere i nervi saldi”.

Le indagini della polizia proseguono a tutto campo.

Stammatina la PSNI, dopo il fermo di Kelly, aveva affermato che il ferimento del diciottenne ad Ardoyne non era di matrice paramilitare. La situazione pare essere mutata nuovamente.

Dopo il rilascio di Sean Kelly, infatti, la polizia nordirlandese ha deciso di gestire nuovamente il caso come una punizione in stile paramilitare.

Intanto il diciottenne colpito da proiettili ad entrambe le gambe si trova ancora nel reparto di terapia intensiva del Royal Victoria Hospital.