Henry McDonald

Le organizzazioni riunite intendono intensificare gli attacchi contro le forze di sicurezza e contro altri obiettivi legati agli inglesi

Real IRA | © Niall CarsonTre dei quattro principali gruppi armati repubblicani in Irlanda del Nord si stanno unendo e intendono utilizzare il nome dell’IRA, in un’escalation dei tentativi per destabilizzare la condivisione del potere nella regione.

La Real IRA è stata affiancata dal Republican Action Against Drugs, responsabile per una violenta campagna antidroga a Derry, e una colazione di altri membri dei gruppi armati indipendenti, lasciando solamente la Continuity IRA fuori da questo nuovo gruppo repubblicano.

In una dichiarazione rilasciata al Guardian, la nuova organizzazione ha sostenuto di aver formato una “struttura unitaria, sotto una leadership unica”. Ha detto che l’organizzazione sarebbe “subordinata alla costituzione dell’Irish Republican Army (Esercito Repubblicano Irlandese)”.

Questa è la prima volta dalla sigla dell’Accordo del Venerdì Santo nel 1998 che la maggioranza delle forze del repubblicanesimo si sono riunite.

Fonti repubblicane hanno riferito al Guardian che la nuova forza paramilitare comprende centinaia di repubblicani armati, tra cui alcuni ex membri dell’ormai sciolta Provisional IRA che hanno condotto una campagna di esilio forzato e di ferimenti con armi da fuoco contro gli uomini di Derry accusati di spaccio di droga.

Nel gruppo sono compresi quelli definiti “repubblicani non-conformisti”, o piccoli gruppi indipendenti provenienti da Belfast e da parti rurali del Nordirlanda.

Secondo una fonte vicina al gruppo, la Real IRA e il RAAD cesseranno di esistere come entità autonome.

La nuova organizzazione prevederebbe l’intensificazione degli attentati terroristici contro le forze di sicurezza e contro altri obiettivi legati ai simboli della presenza britannica.

Tali obiettivi potrebbero includere stazioni di polizia, sedi regionali dell’Ulster Bank e le celebrazioni a Derry per la Città Britannica della Cultura 2013 – che i repubblicani hanno soprannominato “la normalizzazione del dominio britannico”.

Nella sua dichiarazione il nuovo gruppo afferma: “Negli ultimi anni la creazione di un’Irlanda libera e indipendente ha subito battute d’arresto a causa del fallimento della leadership del nazionalismo irlandese e per le fratture all’interno del repubblicanesimo”. Questo è un riferimento alla scissione tra i repubblicani intransigenti che si oppongono alla soluzione di pace e lo Sinn Féin, che ha seguito una strategia politica. Martin McGuinness, attuale vice primo ministro dell’Irlanda del Nord e membro prominente dello Sinn Fein, era una figura di spicco dei Provisional IRA.

Affossando la partecipazione dello Sinn Fein al governo condiviso con gli unionisti, il nuovo gruppo repubblicano afferma che “la popolazione irlandese è stata venduta per una falsa pace, siglata da una legislatura a gettoni a Stormont”.

Osserva come “la necessità della lotta armata in favore della libertà irlandese” contro quelle che vengono descritte come “le forze della corona britannica” potrebbe essere evitata solamente con la rimozione della presenza militare britannica in Irlanda del Nord. Il gruppo chiede “Un calendario internazionale che dettagli lo smantellamento dell’interferenza politica britannica nel nostro paese”.

Ha anche attaccato il segretario del Nord, Owen Paterson, per l’arresto di alcune figure chiave repubblicane, riferendosi a lui come un grande feudatario. “I repubblicani non allineati sono sottoposti a vessazioni, arresti e violenze da parte delle forze della corona britannica, altri sono stati internati dietro la guida di un feudatario inglese. È la Gran Bretagna non, l’IRA, che ha scelto la provocazione e il conflitto”.

Resta inteso che tra i repubblicani che hanno aderito alla nuova organizzazione ci sono i responsabili dell’omicidio della recluta cattolica della PSNI Ronan Kerr, avvenuto nell’aprile 2011, e quelli che nel gennaio 2010 causarono il grave ferimento di Peadar Heffron, un altro poliziotto cattolico colpito da un ordigno posizionato nella sua auto.

Il reclutamento degli attivisti di Republican Action Against Drugs a Derry segna un grande passo avanti nella campagna armata nella città. Decine di ex membri della Provisional IRA sono stati coinvolti nelle gambizzazioni e nell’intimidazione soprattutto di giovani cattolici, accusati di spacciare droga a Derry.

La campagna del RAAD è conosciuta in tutto il mondo dopo l’indagine condotta dal Guardian nel 2012 sull’onda dei ferimenti e delle espulsioni forzate dalla seconda città nordirlandese.