Portadown LOL 1 a DrumcreeI colloqui privati ​​tra la Loggia orangista di Portadown ed i leader della Commissione Parate hanno portato ad un mutuo silenzio reciproco.

Dopo gli scambi infuriati sull’annuale periodo del flashpoint di Drumcree, entrambe le parti hanno concordato di non commentare i dettagli del loro incontro “privato”.

Ma si pensa che il silenzio sia stato progettato per “pulire l’aria” tra il presidente della Commissione Peter Osborne ed il Maestro distrettuale di Portadown Daryll Hewitt.

Osborne aveva chiesto alla Loggia di prendere in considerazione l’impatto che la sua parata settimanale sta avendo sulle relazioni comunitarie nella città – la Loggia di Portadown aveva risposto raddoppiando la protesta, con una parata il mercoledì ed una la domenica.

I leader orangisti hanno anche rifiutato di rispettare le scadenze per la presentazione delle normali moduli ufficiali e hanno severamente criticato Osborne per aver rifiutato di incontrarsi con loro fino a dopo le parate del 12 luglio.

Adesso può essere rivelato, tuttavia, che un incontro finalmente ha avuto luogo pochi giorni prima della parata “contestata” della scorsa settimana, quando i membri della loggia hanno attraversato il ponte dove di solito consegnare una lettera di protesta alla polizia, finendo ai margini del quartiere nazionalista, dopo che la PSNI non era riuscita a giungere in tempo.

La polizia sta indagando sull’incidente in cui circa 30 membri della loggia sono arrivati a meno di 250 metri da Garvaghy Road, strada da cui la Loggia Numero 1 viene bandita da 13 anni. E nel frattempo, la Commissione ha dato il via libera ad un altro corteo, svoltosi senza incidenti.

Ma ora la Loggia e la Commissione – che hanno anche recentemente incontrato il Segretario di Stato Owen Paterson sulla questione Drumcree – hanno rifiutato di confermare se sono previsti ulteriori incontri.

Hewitt ha dichiarato: “E’ stato un incontro più utile di quelli già avuti con la Commissione. Può avere il potenziale per portare a qualcosa, ma io non voglio creare aspettative a nessuno”.

E in una dichiarazione la Commissione ha detto: “(Noi) guardiamo alla riunione come ad un incontro privato. Mentre c’è stata una discussione positiva e costruttiva, la Commissione non commenterà ulteriormente né fornirà risposte”.

La Commissione ha inoltre affermato di aver chiesto alla polizia una relazione su quanto avvenuto la scorsa settimana.

“Qualsiasi accusa o procedimento penale derivante da quella parata, sono di competenza della PSNI e del Procuratore”, ha aggiunto un portavoce.

La parata della Chiesa d’Irlanda di Drumcree risale a 200 anni. Ma il suo percorso di “rientro” è stato negato alla Loggia orangista fin dal 1998.