lunedì 22 dicembre 2014
Ti trovi qui: Home » Distretto Nord » Sinn Féin Ard Fheis: Irlanda unita è “meglio per gli unionisti” dice Gerry Adams

Sinn Féin Ard Fheis: Irlanda unita è “meglio per gli unionisti” dice Gerry Adams

Gerry Adams | Sinn Fein Ard Fheis 2012

Il presidente dello Sinn Fein Gerry Adams ha detto che gli unionisti nordirlandesi devono essere persuasi che un’Irlanda unita è nei loro migliori interessi

Adams ha detto ai delegati che hanno partecipato all’Ard Fheis del partito che i ministri unionisti e repubblicani hanno lavorato insieme a Stormont per contrastare i tagli imposti da Londra.

Ha parlato dei vantaggi che potrebbero derivare da un’economia unica per l’intera isola – e armonizzare i sistemi a nord e a sud del confine porterebbe la creazione di nuovi posti di lavoro e un risparmio di soldi.

“Lo SInn Féin intende dimostrare agli unionisti che un’Irlanda unita è anche nei loro interessi”, ha dichiarato durante la conferenza annuale del partito a Killarney, nella Contea di Kerry.

“Un’Irlanda unita ha senso. Un’unica economia per l’isola ha senso.

“Non ha senso che un’isola di questa dimensione e con una popolazione di sei milioni di abitanti, abbia due stati, due burocrazie, due serie di ministeri governativi e due agenzie che competono per attrarre investimenti.

“Armonizzando i nostri sistemi risparmieremo soldi, miglioreremmo l’efficacia e creeremmo posti di lavoro.

“Una nuova Irlanda unita emergerebbe attraverso un processo genuino di riconciliazione nazionale”.

Ha anche ripetuto l’attacco contro il Segretario di Stato Owen Paterson, criticando il suo lavoro, aggiungendo che “può fare a tutti un favore e tornare indietro nell’Inghilterra cui appartiene”.

Adams ha proseguito: “Le istituzioni politiche nel Nord devono andare verso il prossimo passo – il trasferimento del potere fiscale all’Assemblea e all’Esecutivo.

“La continua gestione del potere fiscale da parte del Tesoro britannico ci porterà ad altri tagli e all’imposizione di nuove politiche di destra sul welfare”.

Intanto nel suo discorso il vice primo ministro nordirlandese Martn McGuinness ha offerto ai gruppi repubblicani l’opportunità di un incontro.

Ha descritto i gruppi armati come “i nemici dell’Irlanda”, impegnati in una violenza “senza scopo”.

Tuttavia, secondo McGuinness, possono ancora avere un ruolo nel “processo di costruzione di una nuova Repubblica”.

Le affermazioni giungono dopo le rivelazioni che lo Sinn Fein mantiene colloqui con i membri della comunità protestante e con le chiese in Irlanda del Nord per discutere di riconciliazione.

About René Querin

Di professione grafico e web designer, sono appassionato di trekking e innamorato dell'Irlanda e della sua storia. Insieme ad Andrea Varacalli ho creato e gestisco Les Enfants Terribles.

Rispondi