Il presidente dello Sinn Fein Gerry Adams ha indicato che, per la prima volta, il suo partito indicherà un candidato per le elezioni presidenziali irlandesi

Gerry Adams, Sinn FeinParlando a Belfast all’Ard Fheis (conferenza annuale) del partito, Adams ha detto che la conquista del posto non dovrebbe essere un “trofeo” per l’establishment politico.

Gli elettori si recheranno il mese prossimo alle urne per scegliere il successore di Mary McAleese, che ha guidato per due mandati la nazione.

Attualmente lo Sinn Fein è il quarto partito nella Repubblica d’Irlanda.

Adams ha aggiunto: “In tutta l’isola sempre più gente sta guardando allo Sinn Fein per la dirigenza. Il mio punto di vista è che lo Sinn Fein dovrebbe sostenere la nomina di un candidato per essere Presidente d’Irlanda.

“Un candidato in grado di conquistare il sostegno dell’opinione progressista e nazionalista.

“E che rispecchierà il vasto spirito repubblicano della gente d’Irlanda”.

Il corrispondente della BBC Mark Simpson afferma che, sebbene le possibilità per lo Sinn Fein di vincere le elezioni presidenziali siano scarse, il partito ha incrementato notevolmente il proprio bacino elettorale, triplicando i seggi conquistati al Dáil, il parlamento irlandese.

Tra i candidati papabili per la presidenza, c’è la parlamentare per Fermanagh e South Tyrone, Michelle Gildernew.

Adams ha altresì utilizzato il discorso per criticare la gestione della crisi economica fatta dal governo irlandese e ha chiesto al governo inglese di mantenere gli impegni riguardo al processo di pace in Irlanda del Nord.