Monaghan bombingI finanziamenti di Natale per le vittime del conflitto nordirlandese aiuteranno solamente il 6% di chi sta soffrendo, è stato annunciato.

Il Wave trauma centre lo indica come un impegno irrisorio che non affronta la vera portata del bisogno a lungo termine.

La scorsa settimana l’Office of the First Minister and Deputy First Minister (OFMDFM – Ufficio del Primo Ministro e del Vice Primo Ministro) ha rivelato che oltre 5.000 persone e famiglie beneficeranno di un pacchetto finanziario da 1,8 milioni di sterline.

Un portavoce di Wave ha detto: “Ci sembra che i nostri leader politici abbiano sfruttato il periodo di Natale e giocato con le nostre sofferenze, ancora una volta”.

Ha chiesto come saranno selezionate le 5.000 persone, su un totale di 75.000 possibili beneficiari.

“Se questa è la dimensione del loro impegno, se questo è il meglio che possono fare in questo periodo di buona volontà, senza mai preoccuparsi negli altri periodi dell’anno, allora la vergogna cada su di loro”.

Wave ha lanciato un riconoscimento per tutti i feriti. E’ un’organizzazione cross-community fondata nel 1991 per aiutare le persone che hanno perso un coniuge a causa della violenza in Irlanda del Nord.

Il portavoce parla di preoccupazione perché i soldi potrebbero finire a persone che già hanno ricevuto sovvenzioni, piuttosto che a chi non fa parte di gruppi di vittime e non ha mai ricevuto alcun aiuto.

Ha detto: “L’annuncio è stato fatto appena prima di Natale e viene indicato come generoso e perfino caritatevole. Noi parliamo di responsabilità morale nell’aiutare chi è stato danneggiato da un conflitto sociale”.

Secondo lui le 500 sterline di aiuto vogliono comunque dire che i beneficiari devono comunque sostenere in prima persone di buona parte delle spese.

“Nel periodo più economicamente dispendioso dell’anno, e quando solitamente le famiglie si ritrovano tutte insieme, noi domandiamo se questo aiuto sia davvero basato sui bisogni delle vittime o su qualche altro imperativo”, ha concluso.