Westminster, LondraLa proposta di una sostanziale revisione del Bill of Rights for Northern Ireland (Carta dei Diritti per l’Irlanda del Nord) è stata sospesa fino alle elezioni generali.

Il Northern Ireland Affairs Committee di Westminster stava compilando un rapporto sulla proposta di modifica della legge, che è stata al centro di una lunga controversia politica.

Ma il Comitato ha annunciato di aver sospeso il lavoro e sarà pronto a passare la ricerca al nuovo comitato che si creerà dopo le elezioni.

Unionisti e repubblicani sono stati divisi sul piano per una Carta che assicuri i diritti promessi nel Good Friday Agreement del 1998.

Il Northern Ireland Office (NIO) è stato recentemente criticato dai gruppi per i diritti umani che ritengono le proposte presentate troppo deboli.

Il comitato ha saputo che il NIO ha esteso il periodo di consultazione dal 1° marzo fino alla fine del mese.

In un rapporto interno, il comitato ha osservato come sia impossibile, per la legge, di essere approvata nel tempo rimanente all’attuale parlamento.

Afferma il comitato: “Visto che nessuna legge sarà approvata, riteniamo sia improprio legare il prossimo Northern Ireland Affairs Committee ad una particolare posizione.

“Pertanto, abbiamo scelto in questo rapporto di pubblicare le testimonianze che abbiamo ricevuto da organizzazioni e individui in Irlanda del Nord e suggerire al prossimo comitato che potrebbe considerare le future proposte di una Carta dei Diritti per l’Irlanda del Nord come parte del programma di lavoro”.

“Tuttavia, affinché un nuovo Parlamento possa essere pienamente informato, ci uniamo al Segretario di Stato per l’Irlanda del Nord nel sollecitare tutti coloro che hanno a cuore gli interessi del Nord a studiare quello che viene proposto per una futura Carta dei Diritti e di dare al Northern Ireland Office loro punto di vista, sia favorevole o in opposizione ad una Bill of Rights for Northern Ireland “.