Uno dei testimoni fondamentali del processo sarà di nuovo al banco dei testimoni nel tribunale di Belfast

Supergrass TrialIl trentasettenne Robert Stewart – che ha già confessato l’appartenenza alla UVF e di aver operato nel corso dell’omicidio del comandante UDA Tommy English – ha modificato la testimonianza iniziale fornita alla polizia contro 14 suoi presunti ex compagni terroristi.

L’ex leader UVF e agente dello Special Branch Mark Haddock – insieme ad altri 13 co-imputati – deve rispondere di molti capi d’accusa, legati principalmente all’assassinio di Tommy English del 2000.

Giovedì Stewart ha negato di aver premuto il grilletto nel corso dell’omicidio English, avvenuto durante una dura faida tra i paramilitari lealisti.

Durante l’udienza Stewart si è scontrato ripetutamente con l’avvocato difensore Frank O’Donague riguardo alle discrepanze rispetto a quanto comunicato originariamente alla polizia nell’agosto 2008, quando lui ed il fratello David Ian si consegnarono alla PSNI.