Il super pentito lealista Robert Stewart ha negato di star “raccontando una storia”.
Robert StewartIl trentasettenne reo confesso ha anche liquidato come “spazzatura” le accuse della difesa secondo cui lui e suo fratello si erano presentati alla polizia non come membri UVF, ma come vittime dei paramilitari lealisti sotto costrizione.

Stewart sta testimoniando contro 14 presunti appartenenti all’UVF, nove dei quali sono accusati di aver ucciso il comandante della formazione rivale dell’UDA, Tommy English.

Stewart, che ha rivelato di prendere nuovamente dei farmaci, come i beta-bloccanti per tenerlo “calmo … in modo da non farmi prendere dal panico”, ha anche ammesso di fronte al giudice Gillen di non riuscire a spiegare come mai non è riuscito a fare nome di due uomini presunti killer durante i primi interrogatori.

Il giudice Gillen ha detto di avere una serie di questioni “con cui lottare”, e ha chiesto Stewart perché, come ogni avvocato difensore potrebbe obiettare, aveva “lasciato fuori” i due nomi.

Inizialmente Stewart ha affermato che se gli fosse stato chiesto dagli investigatori era sicuro di poter dar loro un nome, perché “avrebbe saputo chi era”, prima di spiegare, come ha fatto in passato, che i suoi nervi hanno avuto la meglio su di lui.

In precedenza era stata ascoltata una registrazione su nastro della prima intervista di Stewart con gli ufficiali dell’Historical Enquiries Team nel mese di agosto 2008.

L’avvocatessa della difesa Eilis McDermott inizialmente ha detto a Stewart che quando andò alla stazione di polizia di Antrim per la prima volta, si “rappresentò” non come un membro dell’UVF “ma come un abitante di New Mossley messo sotto costrizione dall’UVF”.

Stewart ha affermato che la sua incapacità di comunicare al detective dell’HET di essere stato un membro della UVF è stata “una svista da parte mia”.

Il pentito ha dovuto ripetere la risposta quando la McDermott ha sottolineato che avrebbe anche detto all’HET che la ragione per la UVF l’aveva preso era “probabilmente perché eri nella zona”.

La McDermott ha quindi ricordato a Stewart che quanto aveva riferito sull’avvicinamento all’omicidio di English, era “una storia a singhiozzo” che stava cercando di ampliare.

Stewart ha respinto il suggerimento, sostenendo ciò che aveva detto all’HET era la verità “oltre le menzogne ​​e le cose che ho lasciato fuori”, e perché era “nervoso, sarebbe stato abbastanza felice di quel resoconto”.

Tuttavia, la McDermott ha ulteriormente insistito con Stewart, sostenendo che la ragione per cui lui e suo fratello hanno insistito a parlare solo agli investigatori dell’HET era perché “non avrebbe potuto ottenere nulla con queste sciocchezze”.

Gli investigatori locali della PSNI, ha suggerito l’avvocato, lo avrebbe conosciuto e “sarebbe stato deriso”.

“Hai voluto provare e raccontare loro una linea, una linea che si sapeva che non poteva funzionare con la polizia locale”, ha aggiunto la McDermott.

“Questa è pura spazzatura”, ha risposto Stewart, sostenendo di non poter fidarsi della polizia locale e che quanto riferito all’HET era “il 90% della verità”.

Secondo la McDermott i fratelli avrebbero deciso di “raccontare una storia all’HET per vedere come sarebbe andata… una storia molto elaborata”.

Stewart, a sua volta, ha spiegato che, data la quantità ed il tipo di farmaco utilizzato all’epoca, era “una storia troppo elaborata da inventare”.