Robert Stewart

Robert Stewart

Il superpentito della UVF Robert Stewart ieri è stato scusato per aver fornito testimonianza dopo che uno psichiatra ha affermato che non doveva andare sul banco dei testimoni.

Mentre Stewart ha detto al giudice di sentirsi in grado di proseguire, l’avvocato dell’accusa Gordon Kerr ha sollevato problemi sul suo “aspetto generale e sul contegno”. L’udienza è stata quindi aggiornata per permettere l’analisi da parte di uno psichiatra.

Il consulente psichiatra, dottor Ian Bownes, è giunto in tribunale per esaminare Robert Stewart. Al giudice Gillen è stato comunicato che il dottore ha raccomandato a Stewart di non cntinuare a testimoniare, ma di tornare in aula lunedì.

Il dottore ha anche raccomandato che Stewart testimoni quattro giorni alla settimana, con una pausa di 20 minuti tra le varie testimonianze.

Stewart sta testimoniando contro 14 presunti membri della UVF, nove dei quali accusati della morte del rivale UDA Tommy English, per la quarta settimana consecutiva, ma è la terza volta che non si sente in grado di presentarsi in aula.

Dopo le raccomandazioni rilasciate dallo psichiatra, gli avvocati difensori hanno chiesto se Stewart potrebbe essere esaminato da un altro psichiatra per loro conto ma Robert Stewart ha rifiutato.

Il giudice ha chiesto agli avvocati di prepararsi con altri interrogatori.

A Stewart è stato permesso di parlare con un avvocato, dopo che il giudice Gillen ha spiegato in aula di non avere alcun potere per impedire al testimone di parlare con chiunque voglia, basta che non parli delle sue testimonianze.

Il giudice ha detto che mentre ogni discussione con un consulente legale sarebbe soggetto a privilegio e confidenzialità, come “un funzionario della Corte Suprema” qualsiasi avvocato conoscere tali principi e regole del tribunale.

C’erano state speculazioni tra gli avvocati coinvolti che Stewart, che ha ricevuto uno sconto nella sentenza di ergastolo in cambio della sua testimonianza, avesse voluto chiedere un parere legale circa i termini del contratto firmato in base alla legge sulla criminalità organizzata e la polizia, sapendo che ogni violazione potrebbe significare la perdita dei privilegi.

Il giudice Gillen ha detto che se così fosse, sarebbe nei pieni poteri di Stewart di farsi consigliare sulle regole generali in materia di obbligazioni contrattuali.

Il processo continua.