Lurgan, treno sequestrato | Lurgan, hijacked trainI rivoltosi che sequestrarono il trento Enterprise cosparsero i bagagli dei passeggeri con la benzina, nel tentativo di commettere un “omicidio di massa”.

Un lavoratore comunitario è stato salutato oggi (l’articolo è del 17 luglio, Ndt) come un eroe dopo aver affrontato i rivoltosi che attaccarono il treno a Lurgan il 12 luglio.

L’orrore della vicenda è emersa ieri quando Iarnrod Eireann ha confermato che alcuni bagagli erano stati inzuppati nel tentativo di bruciare circa 60 persone.

Un video dove si vedevano valigie gettate giù dal treno hanno portato inizialmente gli investigatori a credere che venissero rubati.

Tuttavia, è emerso adesso che un lavoratore comunitario ha rischiato la vita per rimuovere i bagagli intrisi di benzina, la maggior parte dei quali appartenenti a boy scout.

“Alcuni sono stati cosparsi (di benzina) ed alcuni sono state bruciati”, ha spiegato un portavoce di Irish Rail.

“Stavano cercando di mandare in fiamme la cabina di guida e hanno anche versato benzina su alcune delle pesanti borse e bagagli”.

Steven Moutrey, DUP, ha detto, “ma (senza) l’intervento di un lavoratore comunitario lunedì ci sarebbe stato un omicidio di massa”.

Oggi un eroico lavoratore comunitario ha raccontato come ha affrontato la folla violenta e ha cercato di avvisare le persone a bordo del treno del pericolo in corso. L’uomo, identificato solo come John, ha detto a UTV come ha fronteggiato un uomo mascherato mentre i rivoltosi erano intenti a provare ad uccidere tutti i 55 passeggeri.

“Gli ho detto che c’erano donne e bambini a bordo del treno, ha detto «f*****lo a loro, che brucino»”, ha ricordato. Avendo di fronte un uomo a volto coperto, con un tamburo cinque gallone in mano, John entrò nella cabina del conducente.

“Mi sono mosso da lì attraverso la carrozza e ho cominciato ad urlare alle persone perché qualcuno mi gridò che stavano andando ad incendiare il treno sul fuoco.

Irish Rail ha detto che un’indagine è in corso, ma il portavoce non ha parlato delle azioni eroiche del lavoratore comunitario.