Il presidente della Federazione di Polizia, Terry Spence, afferma che i paramilitari lealisti hanno infranto il cessate-il-fuoco

Secondo Spence i paramilitari dell’Ulster Volunteer Force sono coinvolti in molti crimini, comprese “attività in stile mafioso”.

“Siamo stati molto chiari: riteniamo fermamente che la UVF non stia facendo un cessate-il-fuoco”, ha affermato Spence.

“Ho rilasciato questo commento in diverse occasioni”.

Parlando al Nolan Show su BBC Radio Ulster, ha aggiunto: “L’UVF è coinvolta in omicidio, tentato omicidio di civili, tentato omicidio di agenti di polizia, hanno orchestrato le violenze nelle nostre strade, e sono conscio che stanno portando avanti una serie di attività in stile mafioso.

“Stanno tenendo in scacco le comunità. Su queste basi, la Federazione ha chiesto una rideterminazione dell’UVF (indicando che il loro cessate-il-fuoco è terminato)”.

Incredulità

Gerry Kelly, Sinn Féin, ha detto che era chiara la fine dell’armistizio dell’UVF.

“Matt Baggott è uscito con un comunicato, penso la scorsa settimana, dove ha detto che il cessate-il-fuoco della UVF è intatto. Credo ci sia stata incredulità in chiunque abbia letto l’articolo” ha affermato il parlamentare.

“Ho ricevuto gente nel mio ufficio, proveniente da Shankill Road, che denunciano come la UVF sia attiva come sempre.

“Non riesco a capire, quindi, come possa Matt Baggott fare certe affermazioni”.

Parlando lunedì al quartier generale della PSNI, l’Assistente Comandante Will Kerr ha detto che elementi della UVF, in particolare a East Belfast, sono stati coinvolti in numerose attività criminali, tuttavia il problema di rispecificazione del suo status è solo un problema politico.
East Belfast: murales UVF