La sorveglianza elettronica è stata utilizzata per controllare da vicino i movimento dell’auto di un uomo accusato della morte del poliziotto Stephen Carroll

Kate CarrollL’agente di polizia Carroll fu colpito a morte dalla Continuity IRA durante un intervento a Craigavon il 9 marzo 2008. L’attacco avvenne due giorni dopo quello compiuto dalla Real IRA all’esterno di Massereene Barracks ad Antrim, dove morirono due soldati britannici.

Ieri, presso la Craigavon Magistrates Court, il giudice Alan White ha mandato a giudizio i tre accusati presso il tribunale di Belfast. C’era una grande presenza di forze di sicurezza nel tribunale e nelle strade adiacenti, e le identità dei tre testimoni è stata mantenuta segreta per ordine della corte.

John Paul Wootton, 19 anni di Lurgan, è accusato per l’omicidio dell’agente Carroll, possesso di fucile d’assalto, collezionamento di informazioni potenzialmente utili per i terroristi e di appartenenza alla CIRA.

Brendan McConville, 39 anni di Lurgan, deve rispondere di due accuse: l’omicidio di Stephen Carroll e di possesso di fucile d’assalto.

Sharon Wootton, 40 anni, è accusata di aver cercato di deviare il corso della giustizia fornendo false informazioni alla polizia e rimuovendo uno o più computer dall’abitazione quando pensava potesse essere perquisita.

La difesa afferma che “una grande fetta” di prove contro John Paul Wootton sono “moderate” e di tipo scientifico, e chiede se le presunte particelle di polvere da sparo presenti sui suoi abiti possono essere collegate all’arma dell’omicidio in maniera soddisfacente.

Un’esperta forense ieri ha concesso che le particelle potrebbero non provenire da una pistola, ma lei ritiene che probabilmente lo sono.

La difesa ha affermato anche che il Testimone K ha ritenuto che “le attrezzature di sorveglianza e tracciatura” utilizzate contro Wootton sono “lontane da essere infallibili”. La difesa dice che i movimenti del veicolo nella sera in questione sono aperti a numerose domande e che prese tutte insieme, queste “sollevano un dubbio sulla forza delle accuse contro Wootton”.

Nelle accuse contro la signora Wootton, a difesa ha aggiunto che manca l’ingrediente chiave della premeditazione.

Ma il giudice White ha affermato ripetutamente che non è il suo lavoro concludere se gli accusati sono colpevoli, ma solo decidere se ci sono sufficienti indizi per giustificare un processo.

White respinge che le accuse contro McConville sono principalmente scientifiche, ma parla anche di caso circostanziale. “E’ stato visto senza dubbio vicino al punto dell’agguato nella sera dell’omicidio e questo solleva alcune questioni che richiederanno indagini”.

C’è anche una prova circostanziale contro John Paul Wootton, proveniente da un testimone, secondo cui il giovane stava raccogliendo informazioni rilevanti alle accuse sollevate, ha continuato il giudice White. Il tribunale di Belfast deciderà se può essere applicata la premeditazione nel caso della signora Wootton.

Tutti e tre gli accusati sono stati rimandati a giudizio. I due uomini sono ritornati in custodia in carcere mentre la signora Wootton è stata rilasciando dietro pagamento di una cauzione di 600 euro circa (500 strline).

C’è stato dibattito su come quattro ulteriori accuse di possesso di esplosivo del 2006/2007 contro Brendan McConville dal 2006/2007 potrebbero essere consegnate alla Crown Court. Il giudice White ha rimandato a giudizio McConville anche per queste accuse, ma ha detto che sarà il giudice a decidere se i casi sono collegati. L’accusa ha dichiarato che intende presentare un caso unico.