Un uomo di 22 anni è stato formalmente accusato per i disordini di Ballyclare, scoppiati dopo la rimozione di alcune bandiere da parte della polizia

Riot @ BallyclareBottiglie molotov e altri oggetti sono stati lanciati contro gli agenti durante gli scontri ed alcune autovetture sono state date alle fiamme.

Il riot esplose perché la polizia, prima del 12 luglio, tolse alcune bandiere paramilitari e dell’Unione issate vicino ad una chiesa cattolica.

Sei agenti di polizia rimasero feriti. La PSNI sparò alcuni proiettili di plastica nel tentativo di arginare le violenze.

Il ventiduenne è accusato di disordini, possesso di arma offensiva in luogo pubblico e possesso di un oggetto atto a danneggiare le proprietà.

Comparirà oggi in aula a Belfast.

Nel frattempo un diciassettenne fermato dagli investigatori è stato rilasciato in attesa di ulteriori rapporti.