Un imponente allarme è stato lanciato oggi dopo il ritrovamento di un oggetto sospetto che la polizia ritiene sia un mortaio artigianale

BOmba di mortaio a West BelfastLa PSNI è subito intervenuta sulla scena in Ballygomartin Road, vicino alla stazione di polizia di New Barnsley. Secondo il Belfast Daily, gli artificieri dell’esercito britannico avrebbero eseguito un’esplosione controllata sull’oggetto.

Molte abitazioni sono state evacuate. Un salone della chiesa presbiteriana di Ballygomartin e il Whiterock Community Centre sono stati messi a disposizione delle persone toccate dall’evacuazione.

Parte di Ballygomartin Road è stata chiusa, tra gli incroci con Highcliff Gardens e Springmartin Road.

Un portavoce della polizia ha detto che la Springhill Primary School non aprirà fintanto che l’allarme sarà in corso. Anche la Black Mountain Primary School è stata chiusa.

Il parlamentare del DUP per North Belfast William Humphrey ha detto che l’oggetto ritrovato sembra essere un mortaio in un tubo di lancio.

“L’allarme sicurezza ha causato la chiusura delle scuole Springhill e Black Mountain, la chiusura della parte superiore di Ballygomartin Road e l’evacuazione dei residenti dalle loro case. Le forze di sicurezza devono stare attenti ad eventuali ordigni secondari così questo allarme potrebbe portare via molto tempo” ha affermato Humphrey.

“È sconvolgente e rivoltante che i terroristi mettano a rischio delle vite preparando un attacco. Il fatto che [il mortaio] sia stato ritrovato accanto a due scuole elementari aggiunge altro orrore”.

Pat Sheehan, parlamentare dello Sinn Féin per West Belfast, ha spiegato a UTV che le centinaia di residenti danneggiate dall’allarme sono molto arrabbiate per il disagio arrecato.

“Sono completamente disgustato – come la maggior parte dei residenti di quest’area. Nessuno vuole questo disagio”, ha affermato.

“Ci sono molte persone anziane nella casa di riposo Owenvale, le cui vite sono state sconvolte da quanto sta accadendo.

“Ci sono donne che stanno cercando di portare i figli a scuola, le cui vite sono state sconvolte.

“Nessuno lo vuole”.

Ha descritto l’organizzazione responsabile come “un parassita sulle spalle della comunità”.

Il membro del Policing Board Brian Rea ha detto che sebbene l’obiettivo dell’attacco potevano essere i poliziotti, tuttavia chi lo ha pensato disprezza la comunità locale.

“È solo questione di tempo prima che un elemento della popolazione sia coinvolto in uno di questi incauti attatti e in questo caso dobbiamo ringraziare la vigilanza dell’agente di polizia che ha notato l’ordigno.

“La polizia ha bisogno del sostegno della comunità questa volta. Chiedo a chiunque abbia informazioni di comunicarle alla polizia o a Crimestoppers”, ha concluso.

Il consigliere SDLP Colin Keenan afferma: “I responsabili dell’allarme sicurezza di questa mattina a West Belfast meritano la condanna dell’intera comunità per il caos e il disagio arrecato.

“La gente che vive intorno a quest’area è stata evacuata e l’educazione dei bambini bloccata con la chiusura di due scuole. È folle pensare che la gente che vuole fare i propri affari sia interrotta e che le loro vite vengano messe in pericolo per le menti folli di pochi.

“Chiedo alla popolazione di essere paziente mentre la polizia mette in sicurezza l’area e chiunque ha visto qualcosa di sospetto deve presentarsi alla PSNI per aiutarla nelle indagini”, afferma il rappresentante di West Belfast.

Anche il parlamentare UUP Ross Hussey ha condannato l’attacco, dicendo che questo genere di terrorismo “che minaccia l’ordine pubblico” non può essere tollerato.

“RIngrazio la PSNI e le nostre forze di sicurezza per il loro coraggio nel proteggere l’intera comunità”, afferma il politico, anche membro del Policing Board.

Nel frattempo la polizia ha gestito anche un allarme sicurezza nella zona di Springfield Road.

La strada è stata chiusa e sono stati impiegati gli artificieri dell’esercito.

“Non è chiaro se i due allarmi sono in qualche modo collegati” ha spiegato un portavoce della PSNI.

“Chiediamo scusa per gli inconvenienti tuttavia il nostro obiettivo è di salvaguardare la sicurezza della comunità e di proteggere tutti”.