Gay ByrneIl presentatore Gay Byrne ha preso la decisione di non partecipare alle elezioni presidenziali irlandesi.

Parlando all’Irish Independent, il settantasettenne ha confermato di aver deciso ad inizio settimana di non partecipare alla corsa – ma mentre la speculazione sulla sua possibile corsa per la Aras – la residenza del presidente irlandese – cresceva, fino a sabato non ha resa pubblica la sua decisione.

“Non ho deciso sabato. Avevo deciso prima,” ha detto Byrne all’Irish Independent.

Tornato di nuovo nella sua casa di vacanza in Donegal, il presentatore ha detto che era stato “tormentato a morte” nei giorni scorsi dalla decisione.

“Ho accettato pienamente che il processo mediatico è il processo mediatico. E’ la stagione «leggera» e i giornali ed i media sono alla ricerca di un qualche tipo di storia, ma ho davvero sentito che ero nel bel mezzo di una tempesta di fuoco”, ha affermato.

Augurando “il meglio ai quattro contendenti, e a chiunque altro possa entrare nella competizione”, Byrne ha aggiunto che scommetterebbe “il suo denaro” sul presentatore sportivo Micheal O Muircheartaigh.

“(O Muircheartaigh) è l’uomo più popolare del campus Montrose – e probabilmente l’uomo più popolare in Irlanda,” ha detto.

Pressione

Byrne ha difeso la sua decisione di non far trapelare le proprie intenzioni per più di una settimana. “Di fronte alla situazione, e all’offerta di Michael Martin, ed i risultati del sondaggio e le pressioni esercitate su di me, ho dovuto prendere la cosa in seria considerazione. E questo è quello che stavo facendo”.

Ha raccontato di non avere “alcuna preoccupazione” per le ingerenze dei media nella sua vita privata e nei suoi affari finanziari, ma ha detto che “sarebbe preoccupato” per l’impatto sulla sua famiglia.

“Avrei trascinato mia moglie e la mia famiglia verso ciò cui stavo andando nei prossimi due mesi, e non volevo farlo. Ho scelto di non farlo ed è così semplice”, ha detto Byrne.

Ha detto di non essersi fatto abbagliare dai sondaggi che lo avevano posto come capofila nella corsa presidenziale.

“Non sono stato ingannato dai sondaggi. Il primo sondaggio era su 4fm e in realtà voleva dire poco perché c’era un numero ridotto di ascoltatori e un profilo molto limitato.

“Il sondaggio di Red C è stato un po’ più una conferma ma, come ha detto qualcuno, la corsa per la presidenza non è uno sprint, è una maratona.

“Si doveva andare avanti per molto, molto tempo e non ho avuto lo stomaco per tutto questo”.

Alla domanda se poteva avere rimpianti sulla sua decisione di non correre per la presidenza, Byrne ha detto: “Nessun rimpianto. Sono una persona decisa. Una volta che la decisione è presa, non si torna indietro”.