One degli uomini rimasti feriti nell’assalto di venerdì scorso al Regency Hotel, durante le operazioni di pesatura dei pugili, potrebbe perdere una gamba a causa di una pallottola penetrata nel femore

Aaron Bolger, di Killarden, è stato ferito ad entrambe le cosce nell’attacco armato del Regency Hotel di venerdì scorso.

Il venticinquenne è uno dei tre uomini colpiti dai proiettili sparati dal commando di sei uomini armati, alcuni dei quali vestiti tipo agenti della SWAT, all’interno della sala eventi dell’albergo di Dublino, mentre erano in corso le operazioni di pesatura dei pugili pronti a sfidarsi nell’incontro “Clash of the Clan.

Si è appreso che un proiettile è penetrato nel femore, provocando gravi ferite all’arteria e all’osso della gamba.

L’altro ferito – Sean McGovern di Crumlin – sarebbe in condizioni gravi ma stabili, ricoverato presso il Mater Hospital per una ferita allo stomaco.

McGovern, 30 anni, ieri ha cercato di firmare per chiedere la propria dimissione dall’ospedale.

David Byrne, perno di una banda criminale, è stato ucciso con un colpo alla testa ed uno ad una gamba mentre si trovava nella zona reception del Regency Hotel, pieno di gente al momento dell’assalto.

Byrne – anche lui di Crumlin nel sud di Dublino – era primo cugino di “Fat” Freddie Thompson. Era sospettato di coinvolgimento nel contrabbando di grandi quantità di droga in Irlanda.