aung san suu kyi

Ancora 6 mesi di arresti domiciliari per Aung San Suu Kyi. Così ha deciso la giunta militare al potere in Myanmar, ex-Birmania. Lo ha comunicato un funzionario del governo birmano a poche ore dalla scadenza dell’ultimo provvedimento di restrizione.

Diversi sostenitori del premio Nobel per la Pace si erano recati fino alla sua villetta, nella speranza che gli arresti domiciliari terminassero. Invece hanno trovato i militari a presidiare l’abitazione di Suu Kyi. Una ventina gli arrestati.